La vittima:18 passi per dimenticare lo psicopatico o il narcisista perverso

Ora è finita.Questa sconvolgente relazione nella quale ti sei trovata e nella quale hai perso il tuo tempo, la tua gioia, la tua passione, i tuoi soldi ed, in parte, te stessa, adesso è finita.

Cala il sipario sulla storia più disumana, dolorosa, squallida ed incomprensibile che probabilmente tu abbia mai vissuto. Il quadro è desolante. Poco importa quanto sia durata la giostra montata ad arte dallo psicopatico

image

Mi avvolga il fiore

mi sfiori l’onda

si aprano le danze.

Ascolto la musica del grande albero

sono acqua vento fuoco

M.M.

Ora è finita.Questa sconvolgente relazione nella quale ti  sei trovata e nella quale hai perso il tuo tempo, la tua gioia, la tua passione, i tuoi soldi ed, in parte, te stessa, adesso è finita.

Cala il sipario sulla storia più disumana, dolorosa, squallida ed incomprensibile che probabilmente tu abbia mai vissuto. Il quadro è desolante. Poco importa quanto sia durata la giostra montata ad arte dallo psicopatico che ti ha scelto, i danni sono sempre enormi, soprattutto da un punto di vista emotivo e psicologico.

I primi tempi, la vittima si sente in parte sollevata dalla chiusura della relazione e trova ristoro dall’interruzione dei meccanismi malati di tortura ed avverte un abbassamento dei livelli di ansia che, erano diventati altissimi, soprattutto nelle ultime fasi della storia, quando il narcisista perverso, senza comunicarlo apertamente, aveva già deciso di scartarla ed aveva quindi aumentato le dosi di violenza, insulti, silenzi, triangolazioni. Tuttavia, col trascorrere dei giorni, il silenzio dello psicopatico, il suo mancato ritorno, risuona e dilania. Lo psicopatico chiude la storia, o induce la preda a chiuderla, nella maniera peggiore, allo scopo di lasciare la vittima, per un periodo molto lungo e a volte per sempre, psicologicamente agganciata al suo ricordo ed in perenne ed incofessabile attesa. Ella ormai è costretta ad affrontare la verità, a muoversi tra le macerie, ma non riesce ad accettare che davvero tutto sia stato falso, creato sin dall’inizio dal carnefice solo allo scopo di ottenere il suo più totale sfruttamento e la sua distruzione. La vittima non riesce ad accettare di essere stata uno degli oggetti e che, per questo massacro, non vi sarà risarcimento alcuno e pentimento alcuno. La vittima non può accettare che la mente dello psicopatico si è resettata completamente ed ella è uscita dalla sua testa e dalla sua vita, senza lasciare rimpianti, ricordi, dolore o nostalgia.

Appare disumano ed, infatti, lo è.

Rabbia, dolore, crisi violente di astinenza derivanti dalla dipendenza affettiva che lo psicopatico ha creato nel partner, incredulità, autocolpevolizzazioni ed una autostima scesa quasi allo zero assoluto, rendono l’esistenza della ex preda un inferno.

La parte più faticosa sarà cancellare il manipolatore relazionale dalla propria emotività. Egli si è piantato la’, nella mente della vittima, vi si si è seduto come un re sul proprio trono e vive in lei come se fosse reale . A distanza di mesi, a volte di anni, le vittime, nei loro pensieri, continuano a parlargli, lo insultano, lo immaginano buono e felice con un’altra, lo odiano poi no… lo adorano, senza osare confessarlo a nessuno. Insomma, il cervello va in tilt, mentre lui, francamente, si gode la sua vita fatta di abusi e nullità.

La vittima, i suoi familiari o amici e, spesso anche i terapeuti a cui si affida, non si rendono conto della violenza che ella ha subito e non sanno individuare che molto frequentemente ha sviluppato un disturbo post-traumatico da stress (anche PTSD, acronimo dei termini inglesi Post-Traumatic Stress Disorder). Questo disturbo risulta connesso alla deprogrammazione psichica attuata dal carnefice ed è, senza ombra di dubbio, uno dei più importanti e caratteristici disturbi legati all’esperienza di eventi traumatici. Esso rientra nella categoria generale dei cosiddetti disturbi d’ansia.

In base a quanto riportato dal DSM-IV-TR, il disturbo post-traumatico da stress si manifesta quale conseguenza di un evento particolarmente stressante e traumatico che il soggetto ha vissuto direttamente oppure al quale ha assistito e che ha implicato morte, o minacce di morte, o gravi lesioni, oppure una minaccia all’integrità fisica propria o di altre persone (per esempio un’aggressione personale, uno stupro, un rapimento, una guerra, una tortura, una malattia particolarmente grave, un incidente ecc.).  La risposta della persona all’evento traumatico è estremamente variegata e comporta paura intensa, sentimento di impotenza e/o orrore; tale evento viene rivissuto frequentemente con ricordi particolarmente spiacevoli, invasivi e ricorrenti (pensieri, percezioni, incubi, sogni poco piacevoli, sonno disturbato, irritabilità, collera immotivata, ipervigilanza, difficoltà a concentrarsi, disagio psicologico intenso nel momento in cui si viene esposti a fattori scatenanti che ricordano anche in parte. Si rileva una

1) diminuzione dell’interesse o della partecipazione ad attività significative.

2) Sentimenti di distacco o di estraneità verso le altre persone.

3) Affettività ridotta (per esempio, incapacità di provare sentimenti di amore).

4) Sentimenti di riduzione delle prospettive future (per esempio, ritenere di non poter mai costruire una famiglia o di non poter avere una carriera lavorativa di una certa importanza ecc.).

D – Sintomi persistenti di aumentato arousal* (non presenti prima del trauma), come indicato da almeno due dei seguenti elementi:

1) Difficoltà nell’addormentarsi oppure nel mantenere lo stato di sonno.

2) Irritabilità o scoppi di collera.

3) Difficoltà di concentrazione.

4) Ipervigilanza.

5) esagerate risposte di allarme.

E- La durata del disturbo (sintomi in B, C e D) è superiore ai 30 giorni.

F – Il disturbo provoca un disagio clinicamente significativo o menomazione nel funzionamento sociale, in quello lavorativo o di altre aree importanti.

Solo con il contattozero inizierai la tua riprogrammazione:  le vittime sono de-programmate hanno pensieri propri, tutto gira intorno a lui nel bene e nel male. Non lo convincerai ad ammettere il male che ti ha fatto e se lo ammettesse sarebbe solo per riportarti in trappola e ferirti ancora.

Il Dott. Marietan, psichiatra argentino esperto in psicopatia e nel recupero delle vittime – complementari dello psicopatico, dichiara “Per uno psicopatico che cosa sono complementari? Sono oggetti che gli appartengono al di là di qualsiasi norma sociale o  giuridica. Come convincere la paziente che desidera parlare con lui? In primo luogo abbiamo bisogno di aumentare l’io mortificato di questa persona. Perché lo psicopatico mina l’autostima dell’altro, e,quindi, l’altro crede che grazie allo psicopatico sia qualcuno, perché se non è accanto a lui si sente spazzatura. La prima cosa da fare è elevare l’autostima, rafforzare la persona complementare e in secondo luogo spiegare quale sia la personalità del suo partner. Sono situazioni particolari e straordinarie,fuori dal comune e forse le regole standard di come implementare tecniche psichiatriche sono inutili o servono poco.Una volta che si è rafforzata l’autostima e spiegato cosa sia uno psicopatico, allora sì, una volta che si è raggiunto questo obiettivo,  si dovrebbe cercare qualcuno nell’ambiente familiare della complementare che la possa aiutare, qualcuno che sia una persona significativa per lei e che si renda disponibile affinchè, qualora la complementare tenterà di contattare lo psicopatico o viceversa, questa terza persona fidata la sosterrà e fermerà. Una volta che abbiamo ottenuto una maggiore autostima, dato informazioni, risolti i problemi materiali o pratici, solo allora può implementare il salto, imponendo la distanza con il psicopatico. Questo dovrebbe essere fatto, secondo la mia esperienza, con durezza totale e assoluta. È necessario con la paziente essere estremamente duro, senza nessuna concessione, perché lo psicopatico non ha intenzione di averne con lei. Il tipo di contatto che si deve avere con lo psicopatico da quel punto in avanti è pari a zero. Guardate la durezza e la posizione estrema con cui  sto parlando. Perché? Proprio perché “B” se contatta “C”, il circuito viene riattivato e tutto ricomincia”.

TABELLA DI RIPROGRAMMAZIONE PSICHICA DELLA EX VITTIMA DELLO PSICOPATICO

Questa tabella rappresenta un sistema di uscita dal labirinto mentale e materiale generato dalla relazione disfunzionale con un narcisista perverso o con uno psicopatico ad opera di una ex vittima che da quel labirinto e’ uscita senza aver perduto la propria capacità di vivere, amare, gioire e credere in se stessa.

La tabella si riferisce ad una fase successiva la presa di consapevolezza del disturbo del partner abusante e, comunque, presuppone che il rapporto sia chiuso e che possa essere attuato il contatto zero.In caso si debbano avere necessariamente interazioni con il manipolatore, si consiglia di applicare, oltre alle indicazioni sotto elencate, anche le strategie di contromanipolazione ( v. articolo su questo blog “lo psicopatico:come contromanipolare”).

Il percorso di uscita ha una durata soggettiva ed è reso più o meno breve da una serie di fattori personali ,tuttavia , può essere misurato in linea di massima in 12-18 mesi almeno.

Il percorso si presenta molto complicato e doloroso soprattutto i primi tre mesi .

La tabella si compone di regole che devono essere adottate sempre. La mancata o parziale osservanza di una regola compromette la uscita dalla relazione e dalla dipendenza dal proprio aguzzino o ne aumenta la durata.

REGOLA N. 1

Questo percorso di liberazione deve essere vissuto come una battaglia con una parte di se stessi,

NON SEGUIRE E NON FARE CIO’ CHE TI SUGGERISCE LA PARTE MALATA DI TE STESSA

Dopo la relazione, a causa della distruzione dell’identità e della autostima c’è una parte di te che e’ rimasta asservita al narcisista perverso o psicopatico. La parte di se stessi resa dipendente e fragile si opporrà alla accettazione della fine definitiva della storia. Bisogna pertanto avere coscienza che in te avrai  una “te” da sostenere, da proteggere e da non seguire mai, giacchè, essendosi ammalata, tende a riportarti di nuovo dinanzi al soggetto abusante o a mantenere un intimo colloquio “muto” con lui, attraverso messaggi in codice o subliminali sui social , ad esempio.

REGOLA N. 2

Il contatto zero non deve essere mai interrotto. Il contatto zero include non guardare wa, facebook ed  alcun profilo o sito in cui ci sia lui o persone vicine a lui. Il contatto zero significa non poter frequentare luoghi o persone frequentate da lui. Il contattozero comprende il non rileggere vecchi sms, mail, lettere o guardare foto sue o tue scattate nel periodo della relazione.

Il contatto zero serve non solo per sottrarti al pericolo ed alla relazione ma soprattutto ad evitare la manipolazione che il soggetto abusante determina sia con le parole sia attraverso la comunicazione “muta” cioè attraverso messaggi tesi a fingere un interesse o a ferirti, mostrandosi felice con la nuova vittima, circostanza che porta dolore ansia rabbia e desiderio di riallacciare il rapporto per non vedersi sostituite.

Il contatto zero durerà per tutta la vita.

Il narcisista perverso o psicopatico e’ in grado di riattivare il circuito perverso con te anche a distanza di anni .

REGOLA N. 3

SAPPI CIO’ CHE TI ATTENDE

Bisogna essere consapevoli ed accettare il dolore e il senso di ansia. Sappi che non esiste un modo per non soffrire. Sappi che tutto questo ha un inizio ed ha una fine. Ricorda che per i sintomi sotto elencati non si muore ma, al contrario, in una relazione con un narcisista perverso o psicopatico SI MUORE emotivamente e spesso fisicamente.

Si deve avere coscienza che, soprattutto i primi tre mesi, soffrirai di

-attacchi di ansia

– angoscia

incapacità di concentrazione sul lavoro, disinteresse per attività quotidiane, incapacità di ascolto dei familiari

-insonnia,incubi

-pensieri ossesivi dell’abusante

-paura

-senso di solitudine e disperazione

-disturbi alimentari

-rabbia alternata a tristezza

senso di blocco

-dolore acuto

-pianto o blocco del pianto

-malesseri o disturbi fisici derivanti dalla somatizzazione del trauma.

Questi sintomi sono causati dalla astinenza provocata dall’assenza del soggetto nella nostra vita e dal trauma da stress .

Durante le prime settimane sono molto invasivi e mineranno la capacita di vivere e relazionarsi in modo normale.

REGOLA N. 4

Resisti ai sintomi. Non spaventarti e non dubitare di te stessa: ce la farai.

I sintomi indicati nella regola tre sono così intensi e dolorosi da indurre la vittima a credere che non può superarli o che non finiranno mai.

I SINTOMI hanno un andamento fisso e durano invece da pochi minuti a poche ore , come le doglie da parto.

I SINTOMI iniziano piano e crescono di intensità in pochi minuti ed hanno un picco quasi insostenibile. Raggiunto il picco, l’intensità scende entro breve termine sino a scomparire.

I SINTOMI si susseguono in fase : insorgenza-crescita-picco-discesa-scomparsa e danno un lasso di tempo di tregua di qualche minuto o ora o giorni.

REGOLA N. 5

Trova un hobby, un interesse che avevi abbandonato o cercatene uno o più di uno nuovo.

REGOLA N. 6

ricontatta le persone sane e positive cui vuoi bene o con cui stai bene e che hai trascurato durante la relazione. Movimenta la tua vita sociale, anche facendo piccole cose ( visite al museo, passeggiate, cinema, cene tra amici) almeno una-due volte alla settimana. Fallo anche se non ti va molto, fallo anche se sei triste o disperata.

REGOLA N. 7

Limita, ma senza forzare, il pensiero invasivo di lui. La mente non può avere due pensieri contemporaneamente ed il pensiero di lui sarà all’inizio un pensiero fisso. Ciò stanca, strema. Pertanto, senza arrabbiarti o spazientirti, ogni volta in cui arriverà il pensiero intrusivo, lo accetterai per pochi minuti e poi distoglierai la mente con pensieri precedentemente scelti da te, i pensieri-aiuto:essi sono pensieri positivi,anche frivoli (ad es. se avessi la bacchetta magica vorrei essere alta o mora…ecc. ed iniziate a fantasticare) o pensieri-aiuto su un periodo o episodio divertente della vostra vita. Ovviamente i pensieri-aiuto non devono riguardare il periodo della relazione.

REGOLA N. 8

Per i primi due o tre mesi conta i giorni. Puoi anche tenere un diario su cui annotare l’inizio del percorso e le giornate. Ogni giorno, bello o brutto, vissuto in no contact è un grandissimo successo: BRAVA.

REGOLA N. 9

NON Ti GIUDICARE. Avrai  la tendenza a giudicarti stupida, incapace, fallimentare, non amabile ed attraente. Avrai la tendenza a pensare ” in fondo aveva ragione a dirmi ” sei grassa o sciocca o pazza o puttana; ecco perché non mi amava, ora ama un’altra migliore di me “.

Queste emozioni sono frutto della violenza subita e della manipolazione nella fase di svalutazione e scarto attuata dal perverso proprio allo scopo di dominarti ed impedirti di scappare.

Pertanto, ogni forma di giudizio ed esame della tua condotta fino a oggi deve essere rinviata di alcuni mesi, non appena avrai recuperato la serenità e lucidità di capire e di darti le giuste responsabilità.

REGOLA N. 10

NON CERCARE ORA TUTTE LE RISPOSTE

Alcune  risposte non le avrai mai, ma molte si, le avrai in seguito. Arrovellarsi il cervello per trovare risposte è deleterio in questa fase. Sei troppo vicina alla relazione, troppo destabilizzata, troppo immersa nella nebbia. Recupera le forze, tutto apparirà chiaro e decodificherai ogni vissuto ed ogni gesto, tuo e dell’aguzzino.

REGOLA N. 11

SEGUI SEMPRE IL TUO ISTINTO

La parte sana di TE ed il tuo corpo ti parla, da ora in poi ascoltalo sempre.

REGOLA N. 12

Se riesci a vivere altre storie, importanti o frivole, bada a chi sia il nuovo lui. Se l’istinto ti dice che è sano, continua anche se il soggetto non ti fa battere il cuore o non ti dà l’adrenalina (malata) che dava lo psicopatico.

Le persone sane danno serenità e non botte adrenaliniche. A te serve poter essere sereni, passare ore piacevoli in cui ti senti bene.

REGOLA N. 13

NON TI SCORAGGIARE SE TUTTO ORA CADE A PEZZI.

I danni creati dal perverso sono enormi, sia emotivamente e psicologicamente, sia a livello professionale, familiare e sociale.

Sentirsi in colpa per non aver avuto la forza di evitare tutto il massacro è inutile. Ora sei “malata”, sei stata abusata e nessun abusato sottoposto ad un massacro riesce a fare le cose per bene. Ora stai curando la malattia. Concediti  tempo per guarire  (in fondo ne hai dato così tanto a lui da poterne dare anche a te stessa ) e poi riparerai tutto .

REGOLA N. 14

LA RABBIA. Prima o poi esploderà. E’ necessaria e durerà mesi. Non scrivergli e non chiamarlo. Se già lo hai fatto, ripetiti a mente cio’ che gli hai detto. Se non lo hai fatto, urlatelo da sola, scrivilo e metti la lettera nel cassetto, corri , sfoga la rabbia e poi superala.

pensa a te, al narcisista penserà la vita”

REGOLA N.15

LUI SARA’ COSI PER SEMPRE E CON CHIUNQUE

Se vieni assalita dalla gelosia rifletti su cio’ che ti ha fatto. Pensi davvero che  possa fare diversamente nel medio tempo? No, lui può solo peggiorare

REGOLA N. 16

NON DITE A LUI O A PERSONE  A LUI VICINE QUALE DISTURBO ABBIA: NON DITE DI AVERE SCOPERTO CHE E’ UNO PSICOPATICO.

Non solo non ti crederebbero ma penserebbero che sei pazza e rischi una denuncia. Solo tu lo sai cosa lui sia e questo basta.

REGOLA N. 17

NON SARAI CREDUTA DA AMICI. EBBENE :FREGATENE.

Molti non ti crederanno  e penseranno che sei immatura perchè non riesci a superare la fine di una storia. Non crederanno al trauma, all’abuso, a nulla. Fregatene. Tu lo sai, il tuo gruppo di auto aiuto ti crede,il terapeuta ti crede e se non ti crede cambialo.

REGOLA N. 18

TERAPIA .

Se puoi, vai in terapia da un esperto in psicopatia e dipendenza affettiva.

Stai combattendo una battaglia durissima. Stai combattendo per la tua incolumità. Stai combattendo per difenderti.

Se non risucirai a rispettare queste regole, non ti giudicare e ricomincia. Abbi affetto e dolcezza per te stessa, prenditi cura di te come ti sei  presa cura di lui. Datti tenerezza, regali, incentivi, comprensione e perdono.

Stai per uscire dal labirinto, impiegherai mesi, ma non importa. Starai sempre meglio.

All’uscita dal labirinto, ti aspetta una nuova fase del percorso, verso casa.

Coraggio pazienza, determinazione, lucidità.

Hai amato un mostro, seppellisci la persona che non esiste se non dentro di te, piangi e vai  avanti.

Ce la farai. 

Molte vittime  ce l’hanno fatta e non sono migliori di te.

Il tempo è un padre amorevole,  il contatto zero sarà tuo complice e tuo  fidato amante, pian piano tutto maturerà in te e nascerà un frutto: lo tradurrai  in pensiero :

“e’ finita, per me è finita”.
Ed un senso di pace che avevi dimenticato ti riempie mentre percepisci che sulla bocca  dopo tanto soffrire  sboccia un sorriso .
Click .
FINE.

 

Tutti i diritti sono riservati. E’ vietata qualsiasi riproduzione, utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente blog, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, diffusione e distribuzione dei contenuti stessi mediante qualsiasi piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte dell’autore Avv. Marina Marconato. I CONTENUTI DEL BLOG E DI OGNI ARTICOLO POSSONO ESSSERE CONDIVISI SOLO ED ESCLUSIVAMENTE CITANDONE L’AUTRICE E LINKANDO LA FONTE.