Narcisismo patologico, psicopatia e Alienazione Parentale: un connubio mortale

Lo psicopatico, il narcisista patologico ed, in generale, il soggetto disturbato, violento e distruttivo, per l’innata esigenza di dominare e  distruggere anche le persone di famiglia, commette assai frequentemente reati ed illeciti dai quali ci si trova costretti a difendersi.

 

donne abuso

anima spolpata da famelica bestia

a brandelli ridotta

mentre il buio muove altalene di filo spinato

aghi e catene stringono la morbida pelle

                                                                                                                      M.M.

Lo psicopatico, il narcisista patologico ed, in generale, il soggetto disturbato, violento e distruttivo, per l’innata esigenza di dominare e  distruggere anche le persone di famiglia, commette assai frequentemente reati ed illeciti dai quali ci si trova costretti a difendersi. Tali personalità sono pressoché anaffettive, prive di empatia, invidiose delle qualità altrui e delle relazioni che gli altri sanno costruire. Per tali ragioni e per un profondo desiderio malvagio di vendicarsi giungono a compiere atti terribili, maltrattano, vessano, picchiano o ledono la stabilità e serenità di chiunque abbia osato allontanarli o sfidarli o smascherarli. L’obiettivo è dominare o distruggere e per soddisfare questo intento non si fermano davanti a nulla, nulla li spaventa, né il rischio del carcere né la possibilità di fare del male addirittura ai propri figli.

Queste personalità fortemente danneggiate molto frequentemente si scagliano contro l’ex partner e, se vi sono figli in comune, essi diventano lo strumento di tortura utilizzato per colpirlo.

La violenza domestica è assai diffusa, il numero di donne abusate è elevato; l’arma preferita dal narcisista maligno o psicopatico, una volta chiusa la relazione, dopo il coltello, la pistola, le mani che serrano la gola, è ingaggiare una guerra al fine di togliere i figli alla madre.

Tale strategia fra l’altro ha un triplice vantaggio: distrugge la vita del partner, lo riduce a brandelli, lo rovina economicamente, socialmente, sentimentalmente e costituisce anche un risparmio economico, giacché se i figli sono collocati stabilmente presso di lui, viene meno l’obbligo al loro mantenimento, e, dulcis in fundo, tutto questo avviene per ordine di un Giudice, dietro la valutazione di un CTU ( perito psicologo o psichiatra nominato dal giudice), quindi sussiste un riconoscimento sociale e pubblico e formale alla situazione di allontanamento che rende il narcisista o lo psicopatico oltremodo tronfio, essendo alla base del disturbo anche la necessità di vincere. Poco importa se i bambini siano letteralmente strappati dalle braccia di una madre sana, la cui unica colpa sia aver denunciato o difeso e protetto il bambino, poco importa che il bambino subirà un trauma talmente profondo da essere difficilmente superabile, poco importa se si sentirà perduto, solo, terrorizzato. E’ bene rilevare che molti bambini sotratti alle madri avevano serie difficoltà ad interagire con il padre ( sovente già denunciato per violenza o abusi) e pur tuttavia non sono ascoltati, capiti, creduti e supportati; anzi, in spregio delle leggi internazionali ( la Convenzione di Istanbul ad esempio) o nazionali ed anzi costituzionali, sono trasferiti di forza in una casa famiglia per essere resettati dalla presenza materna e poi a volte consegnati al padre. Va da sé che difficilmente un genitore amorevole farebbe tutto questo al proprio figlio, giammai il papà di un bambino di 18 mesi o 8 anni vorrebbe che suo figlio fosse prelevato di nascosto da scuola o da casa, portato via mentre grida disperato, condotto in un luogo sconosciuto tra persone sconosciute a meno che questo non fosse assolutamente a protezione della sua incolumità fisica, perché maltrattato, torturato, violentato o fatto vivere nel degrado più nero.

Ma no, non sta accadendo questo oggi in Italia.

Oggi in Italia succede che in nome di un concetto che non esiste nel mondo scientifico nazionale ed internazionale, molti padri assenti, maltrattanti, vendicativi, malvagi, apparentemente normali, teneri, affidabili stanno cavalcando questo mostro denominato alienzazione parentale ( o ex PAS).

L’incontro tra narcisismo perverso e psicopatia, tra il violento e l’alienazione parentale sa di un connubio diabolico in cui questi due sposi burattinai si servono di marionette cioè di tutti coloro i quali, a causa di interessi meramente economici ( un bambino in casa famiglia frutta da Euro 100 e 400 al giorno), di incompetenza professionale, ottusità, di proprie frustrazioni o perché manipolati a dovere, per portare a compimento un gesto orribile: togliere un bambino ai propri affetti senza che ve ne sia una valida e reale ragione.

O meglio, la ragione esiste: distruggere, dominare, vincere.

Quante possibilità hai dato al soggetto che hai accanto? Quante volte le tue speranze sono state tradite e la violenza psicologica è, anzi, aumentata? Se sei stata ripetutamente tradita, lasciata pressoché sola in gravidanza, se le svalutazioni ed i silenzi hanno costituito gran parte della relazione, se si è sottratto ad ogni responsabilità verso la sofferenza che ti procurava, verso gli impegni assunti, qualora tu rimanga a disposizione per i figli, stai sbagliando. Cosa, infatti, ti fa credere che saprà assumersi la più grande delle responsabilità nella vita di un essere umano, cioè quella di essere genitore? Se lo psicopatico o narcisista maligno ha abusato di te, abuserà, almeno psicologicamente, anche dei tuoi figli, che vanno protetti. Lo psicopatico ed il narcisista maligno hanno rapporti fondati solo sul possesso ed il controllo, la manipolazione e la rabbia, il ricatto ( “se non fai ciò che dico ti abbandono e smetto di “amarti”) e stai pur certa che queste modalità verranno poste in essere anche verso i figli.

Ma chi è lo psicopatico? Come più dettagliatemnte descritto nel mio blog contattozero, narcisismo e psicopatia, lo psicopatico è un soggetto affetto da un disturbo deviante dello sviluppo, caratterizzato da una condizione di aggressività e dall’incapacità di provare emozioni.

Molti studiosi e ricercatori, avendo accertato che i soggetti che hanno tratti psicopatici presentano differenze cerebrali e modalità relazionali atipiche, avanzano l’ipotesi che essi rappresentino predatori intraspecie, presenti tra gli esseri umani “non psicopatici”, di stringere una relazione basata sulla reciprocità e sulla corrispondenza delle comuni emozioni.

Lo psicopatico utilizza menzogna ed inganno costantemente con tutti e se viene scoperto, cambia abilmente versione dei fatti. Nonostante possa aver fatto promesse ed assunto impegni con qualcuno, sistematicamente violati, può farne ancora, dando “la sua parola d’onore”.

Non prova alcun senso di colpa per i suoi gesti ma se gli occorre può fingere estremo rammarico e pentimento per manipolare l’interlocutore.
Allo psicopatico ed al narcisista perverso interessa soltanto avere ciò che vuole nel momento in cui lo vuole e per il tempo in cui lo vuole. E ciò che soprattutto gli preme è il potere, il sentire che tutto proceda come ha stabilito debba procedere. Egli, al fine di realizzare ciò, costruisce però un fantoccio che lo raffigura e lo fa muovere, parlare, vestire, mangiare come meglio si conviene a seconda del contesto e della persona che ha davanti in modo da sembrare esattamente come gli altri.
Mentire e respirare, per questa creatura sub-umana, son azioni che vanno all’unisono. In fondo, il suo meccanismo mentale è semplice, fisso e privo di guizzi.
Se gli esseri che lo circondano, gli umani, vedessero o sentissero cosa c’è dietro al fantoccio, se subito egli mostrasse loro il vuoto che c’è dietro le ossa e la carne che lo compongono, scapperebbero, lo rinchiuderebbero. Ma tutto questo non si vede, anzi, egli appare affascinante, lucido, buono e vittima della situazione.

Ad esempio, la vittima può essere convinta di avere una storia d’amore  con una persona difficile, con un passato doloroso, con un carattere schivo e freddo o burbero, o fragile e bisognoso; ella aveva ritenuto che la propria dedizione e cura, la pazienza e l’assecondare ogni sua volontà, avrebbe portato il grande cambiamento esattamente così come lui l’aveva persuasa a credere.

Tuttavia, un giorno, come un fulmine che incenerisce all’istante, succede qualcosa di assolutamente inconciliabile con le false credenze della vittima. In ogni relazione può accadere di scoprire o subire un tradimento o un gesto brutto ma nel caso in cui il partner sia uno psicopatico o narcisista maligno la questione è diversa, profondamente e sostanzialmente diversa, anche se la vittima ancora non lo comprende.

La vittima, attraverso la scoperta della menzogna, riesce ad intravedere il vero volto del suo predatore, il suo vuoto, la sua malvagità. Vede, per un attimo, il ghigno che era celato dietro il fantoccio montato ad arte. Ma la vittima non sarà creduta da nessuno, non le crederanno amici, colleghi, avvocati, giudici, periti.

Lo psicopatico ed il narcisista perverso non dicono bugie, sono una bugia che respira.

Alcuni di loro si atteggiano a poveri esseri a cui la vita ha riservato dolori e difficoltà, altri sostengono di aver paura ad amare creandosi un alibi perfetto alla mancanza di affettività ed empatia che sta alla base del disturbo di personalità di cui sono irreparabilmente affetti, altri ancora giustificano gli insulti, i silenzi, i rimproveri,  le persecuzioni, i pedinamenti, le percosse, sostenendo di amare così tanto da impazzire di gelosia, altri ancora si elevano a vostra guida suprema, ritenendosi migliori di voi che siete, a parer loro, incapaci di gestire la vostra esistenza, la vostra genitorialità, la vostra sessualità, la vostra professionalità . Alcuni, infatti, vi faranno credere e faranno credere alle istituzioni che siate stupidi/e, malati/e, instabili, noiosi/e, brutti/e e che il fatto di tenervi ancora sia un miracoloso gesto di grandezza che, tuttavia, dovrete pagare subendo la dominazione, la critica, le punizioni.

Lo psicopatico ed il narcisista perverso fingono di essere una brava persona, onesta e fedele, affidabile; finge che ti sosterrà, aiuterà, consolerà ed invece ti sta tradendo, colpendo, uccidendo giorno dopo giorno.

L’assenza di rimorso e l’empatia al grado zero-negativo tipiche del disturbo gli consentono, se scoperti, di mantenere una estrema lucidità che vi farà dubitare di aver visto ciò che avete visto, udito, saputo.

Nella strategia del manipolatore narcisista l’altro non deve essere distrutto subito ma deve essere sottomesso pian piano attraverso una lenta ma inesorabile deprogrammazione della sua identità affinché sia reso immobile e possa venir esercitato su di lui il controllo ed il potere Il narcisista indossa la sua maschera di fascino e carisma ed è capace di creare nell’altro adrenalina. Lo psicopatico ed il narcisista maligno sono attori perfetti, non appaiono esagerati o affettati, non si notano nei primi momenti stonature particolari, così come sostiene Hervey Cleckley, uno dei massimi studiosi di psicopatia, nel celebre libro “the Mask of Sanity”.

Cleckley ritiene che la loro loquacità, il fascino superficiale, così come la loro straordinaria capacità di mentire, li rendano lupi travestiti da pecore, “il più delle volte lo psicopatico sembrerà gradevole e farà un impressione positiva già dal primo incontro. Aperto ed accogliente, è facile parlare con lui. Né, d’altra parte, sembra porsi in modo artificioso, come se nascondesse qualcosa o come qualcuno che sta cercando di ottenere simpatia per uno scopo nascosto”.

Il narcisista perverso è affabile, ottimo conversatore, manifesta un interesse grande sia per l’aspetto esteriore che per quello interiore della preda e la pone apparentemente al centro della propria vita. Il perverso narcisista impone il proprio carisma per trattenere l’altro, per intrappolarlo nel labirinto di una relazione malata in cui il partner è trasformato in un oggetto, è cosificato e reso dipendente. In seguito, pur dilaniato da crescenti dubbi, si troverà al centro del labirinto e non troverà via d’uscita.

L’incontro tra questi pericolosi soggetti ed i sostenitori della PAS-Alienazione Parentale è devastazione allo stato puro

I professionisti sostenitori della PAS ideata da Gardner, oggi, trasformata nel nome ma non nella sostanza, nel concetto di Alienazione Parentale, si alleano sostenendo nelle aule di Tribunale che il maltrattante sia sano e capace ( per individuare la psicopatia serve un test specifico, mai utilizzato nelle CTU), buon padre magari e che l’altro genitore, solitamente la madre, sia esagerata, vendicativa, fuori di testa. Manipolazioni adottate dal narcisista maligno si sommano a manipolazioni, travisamenti, omissioni dei periti o assistenti sociali intenti a decretare che l’altro genitore alieni la figura del manipolatore e per questo il figlio ne vada allontanato.

La teoria della Pas venne sviluppata da Gardner nel 1985, che si basò sulle proprie osservazioni personali, e sull’attività di perito, spesso a favore di padri accusati di molestie nei confronti dei figli e non su studi scientifici. La teoria di Gardner non ha fondamento scientifico e prende, invece, le mosse da una personale visione delle donne e dei bambini e della pedofilia. La PAS rappresenta un pericolo serio per i minori abusati o per il coniuge maltrattato. Quest’ultimo per timore di vedersi affibbiare un’accusa di alienazione parentale e conseguentemente perdere i propri figli, che correrebbero il rischio di essere tradotti in casa famiglia o collocati proprio presso il genitore maltrattante, potrebbe essere indotto a tacere le violenze subite e a rinunciare a chieder giustizia.

La Pas, altrimenti detta sindrome di alienazione parentale, non è mai entrata nel Dsm e la Cassazione in una sentenza del 2013 ne ha recepito la infondatezza e lo stesso è avvenuto da parte del Ministero della Sanità. Tuttavia, la PAS o alienazione parentale da alcuni anni è entrata nelle aule dei Tribunali italiani nei procedimenti di separazione ed affidamento dei minori, determinando in questi casi un collasso della giustizia.

Il DDL Pillon è tra le proposte di legge che vorrebbe codificare tale sindrome e ciò comporterebbe una condanna certa dei bambini a vantaggio di genitori anaffettivi ed abusanti.

Se avete incontrato un manipolatore relazionale o un violento, se avete figli in comune, interrompete la relazione affidando la gestione della separazione o affidamento dei figli e la chiusura della storia con estrema cautela e, a partire dalle prime fasi, affidatevi SEMPRE a professionisti esperti o vi troverete in un inferno peggiore di quello in cui sinora avete vissuto

Tutti i diritti sono riservati. E’ vietata qualsiasi riproduzione, utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente blog, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, diffusione e distribuzione dei contenuti stessi mediante qualsiasi piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte dell’autore Avv. Marina Marconato. I CONTENUTI DEL SITO E DI OGNI ARTICOLO POSSONO ESSERE CONDIVISI SOLO ED ESCLUSIVAMENTE CITANDONE L’AUTRICE E LINKANDO LA FONTE.

2 pensieri riguardo “Narcisismo patologico, psicopatia e Alienazione Parentale: un connubio mortale”

  1. Per mia esperienza, conviene usare strategia del “opposto”- far capire al ex che figli vanno divisi a metà- che sei contenta quando non devi occuparti di loro, perche puoi andare in giro, magari conoscere qlc, fare quello che vuoi…. anzi- devi insistere che stia con bambini di piu…. e vedrai che alla fine lascia perdere e fara fatica pure a rispettare delle visite

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...