Sofferenza e crescita

 

autostima1-300x199

La sofferenza e la rabbia conseguente alla scoperta della truffa emotiva e della violazione della propria intimità non vanno sprecate se si riesce a trasformarle in un’occasione di maturazione e di crescita personale. Ovviamente è un percorso molto lento e di non di facile attuazione e prima di poterne davvero cogliere i frutti è necessaria l’elaborazione del lutto, prima razionale e poi emotivo, nonché la metabolizzazione del trauma e la guarigione di ferite profonde.

Cambiare il significato del dolore e trasformarlo in un motivo di crescita è l’unico modo che abbiamo a disposizione per attribuire valore positivo a un incontro sbagliato e il più efficace rimedio per tornare in possesso dell’autostima e ripartire con un nuovo corso della propria esistenza. Aiutare gli altri, grazie alle proprie competenze, può offrire una forza inimmaginabile ed è in grado di riportare “a livello” il proprio rifornimento energetico, prosciugato e azzerato da mesi e anni di relazione patologica e sofferta.

Un esempio lo ha fornito nel corso della presentazione di Relazioni pericolose l’Avv. Marina Marconato, intervenuta sia in veste di legale sia di ex vittima. Il mio vissuto a contatto con un soggetto disturbato e pericoloso e l’incontro con il blog – ha sostenuto l’Avv. Marconato- hanno rappresentato una trasformazione tanto che oggi, attraverso le mie competenze professionali ed il mio vissuto, fornisco supporto morale e  giuridico a chi ancora lotta per sottrarsi al proprio aguzzino. Bisogna risvegliare la coscienza di tutti per contrastare la violenza psicologica, preludio, molto frequentemente, di quella fisica. Bisogna sensibilizzare le istituzioni, gli operatori sociali, gli avvocati e i giudici perché venga garantita la tutela alle vittime e perché sia resa loro giustizia. Bisogna che sia data voce ai minori perché sia ascoltato e garantito il loro diritto a non frequentare il genitore abusante. Le donne tuttavia devono acquisire consapevolezza nel riconoscere l’abuso morale e la manipolazione prima che si trasformino in violenza fisica e devono  denunciare. Purtroppo, molto spesso tengono nascosti entro le mura domestiche anni di abusi morali, insulti, critiche sprezzanti, tradimenti seriali, maltrattamenti psicologici, fisici e sessuali e cercano aiuto quando la situazione è molto compromessa, quando fermare l’aggressore è come fermare un tir in corsa, come disinnescare  una bomba ad orologeria negli ultimi secondi prima della deflagrazione. L’informazione è cultura, la cultura è libertà e spesso salvezza. Edifichiamo un ponte solido su cui la vittima in fuga possa camminare per allontanarsi dal suo carnefice, ponendosi al sicuro.

https://relazionipericoloseblog.com/2017/03/13/sofferenza-e-crescita-personale/

 

 

Tutti i diritti sono riservati. E’ vietata qualsiasi riproduzione, utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente blog, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, diffusione e distribuzione dei contenuti stessi mediante qualsiasi piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte dell’autore Avv. Marina Marconato. I CONTENUTI DEL BLOG E DI OGNI ARTICOLO POSSONO ESSSERE CONDIVISI SOLO ED ESCLUSIVAMENTE CITANDONE L’AUTRICE E LINKANDO LA FONTE.

4 pensieri riguardo “Sofferenza e crescita”

  1. Capita anche hai maschietti di essere vittime di queste creature.
    Dopo il terzo ritorno ho detto basta! Sono in NO CONTACT.
    Mi sento svuotato.
    Se posso essere d’aiuto o volete condividere qualcosa scrivetemi.
    Marco

    Mi piace

    1. Ciao Marco, mi sembra quasi strano che anche i maschietti possano essere vittime di questi predatori, o predatrici, feroci.
      Sei stato comunque bravissimo a porre fine ai suoi ritorni che tanto sarebbe stati infiniti e sempre più dolorosi, uno dell’altro.
      Dobbiamo renderci conto che noi siamo persone di valore e che dobbiamo difendere la nostra “luce interiore” da queste persone disturbate. Pensa che io aspetto un figlio, ahimè proprio da questa persona disturbata, e che si chiamerà Marco.
      Se ti va, possiamo condividere l’esperienza.

      Chiara.

      Mi piace

      1. Ciao Chiara, grazie per avermi scritto. Purtroppo sì, anche ai maschietti……. Io sto resistendo con il contatto zero e spero di uscirne anche se mi sento devastato ed ho l’autostima sotto i tacchi. Mi sento molto solo e credo che nessuno possa capire se non chi ha vissuto le stesse cose.
        Tu come stai? Come riesci a distrarti? Hai qualcuno vicino che ti sostiene? Spero di sì. E il tuo Narci sei riuscita a fartene una ragione?
        Auguri per la tua gravidanza.
        Se vuoi raccontarmi meglio, scrivimi.
        Coraggio
        Marco

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...