GASLIGHTING-il narcisista patologico e lo psicopatico

Il termine gaslighting deriva dal film “Gaslight” del 1944, in cui un uomo manipola la moglie, portandola sull’orlo della follia. Difatti, l’uomo, volendo sbarazzarsi della moglie, inizia a far sparire oggetti ed a creare corto circuiti con le lampadine, negando poi ciò che la donna gli narrava tanto che ella, riponendo fiducia in lui, comincia a convincersi di vedere cose inesistenti. E questo è esattamente ciò che compie il narcisista perverso e lo psicopatico: gaslighting.

 

image.jpg

 

Rimango ferma nel caos di note stonate.              M.M

 

Il termine gaslighting deriva dal film “Gaslight” del 1944 che narra la vicenda di un uomo che manipola la moglie, portandola sull’orlo della follia. Difatti, egli, volendo sbarazzarsi della moglie, inizia a far sparire oggetti ed a creare corto circuiti con le lampadine, fingendo di non credere poi a ciò che la donna gli riferiva, tanto che ella, riponendo fiducia in lui, comincia a convincersi di vedere cose inesistenti. E questo è esattamente ciò che compie il narcisista perverso e lo psicopatico: gaslighting. Essa è una delle tecniche di asservimento ed abbassamento delle difese e della capacità reattiva della preda posta in essere quale strategia per paralizzare, sfruttare, distruggere ed infine, scartare la vittima senza che ella si ribelli in modo efficace. Scrive Salvadori ” è una violenza insidiosa, sottile, non se ne percepisce l’inizio ; non si tratta di una deflagrazione d’ira che almeno è subito identificabile. E’ una sottile lama di ghiaccio , è una violenza gratuita e persistente che reiterata può annullare la persona che ne è bersaglio”  (Salvadori-2008). 

Come sostengono studiosi quali la Hirigoyen e Filippini, tale forma di abuso consiste in una sistematica azione tesa a usurare l’esistenza psico-fisica dell’altro. Il gaslighter prima seduce, corteggia, adula e successivamente, una volta conquistata la fiducia, inizia a destabilizzare la personalità della vittima ed a disintegrare l’autostima, creando una vera e propria sudditanza psicologica.

Il narcisista perverso e lo psicopatico, attraverso il gaslighting, negheranno fatti avvenuti o affermeranno che siano accaduti eventi mai verificatesi; inizieranno a sostenere di aver pronunciato frasi mai dette o dichiareranno di non aver mai affermato discorsi o narrato fatti invece precedentemente asseriti tanto che la vittima correrà un serio rischio di veder compromessa la propria salute mentale.

Prima fase- la vittima ancora ha sufficiente fiducia nella propria memoria o percezione e così tenta di far ragionare il perverso narcisista, è incredula, stordita, perplessa. Cominciano anche i discorsi distorti:  “il discorso deve essere distorto perchè la vittima non capisca quale processo distruttivo sia in corso e perchè venga confusa sempre più. Il black-out delle informazioni reali è essenziale per ridurre la vittima all’impotenza” ( Hirigoyen 2000)

Seconda fase- inizia la difesa, anche inconscia, della vittima, che discute animatamente con il narcisista maligno, lo contrasta e cerca disperatamente di persuaderlo, investirà ogni risorsa psichica ed emotiva per migliorare la relazione e riportarla ad autenticità e verità; ma, a questo punto, il narcisista o lo psicopatico adottano il silenzio, la violenza verbale, le sparizioni, la triangolazione e la vittima si colpevolizzerà, avrà  paura dell’abbandono e cederà.

Terza fase- la vittima rischia la depressione, la salute mentale e fisica. Ella comincia a rendersi conto che ogni tentativo è vano, che la storia non decolla, perderà fiducia in se stessa e finirà per credere che ciò che le viene propinato dal suo carnefice sia vero, autentico, giusto e meritato. La discesa verso l’inferno,a questo punto, è diventata velocissima.

Questa potente e pericolosa tecnica viene utilizzata a schema fisso, unitamente alla triangolazione (leggi articolo sul blog), al trattamento del silenzio (scomparsa improvvisa del carnefice, blocco sul telefono, assenza di risposte) ed alla violenza psicologica ( vedi articolo sul blog) (insulti, critiche sprezzanti, isolamento, gelosia, controllo). Non è facile capire di esser vittima del gaslighting poiché esso si verifica in modo graduale e quasi impercettibile. La maggior parte delle ex vittime, una volta compreso il disturbo dello psicopatico o narcisista maligno e raccolto informazioni sul gaslighting, non saprà, tuttavia, collocare esattamente nel tempo l’inizio dell’abuso e non ricorderà tutti gli episodi collegati a questa subdola tecnica.

Il gaslighter utilizzerà questo sistema anche in questioni insignificanti, apparentemente insignificanti: vittima “amore ho preso i pasticcini per tua madre, mi hai detto che li adora” gaslighter “io non ti ho mai detto che a mia madre piacciono i pasticcini! ma scherzi?? anzi ha il diabete, non capisco come fai a non ricordare del diabete, ne abbiamo parlato a lungo! magari i pasticcini piacciono alla madre del tuo ex o del tuo amante! Ovviamente, il narcisista patologico aveva davvero riferito alla vittima che sua madre adorava i dolci e mai le aveva parlato del diabete. Conversazioni come queste, ripetute su argomenti vari, a fissi intervalli temporali, creano nella vittima, senza che se ne renda conto, uno stato confusionale, una sfiducia nelle proprie capacità di percezione, memoria ed osservazione, sfiducia di cui non ha piena coscienza ma che si radica, tuttavia, sempre più in lei.

Chiunque può essere suscettibile di tale pratica, in quanto abbastanza diffusa tra abusanti, dittatori, narcisisti e leader di sette.

Tale forma di abuso viene “dosata” lentamente, così che la vittima non possa rendersi conto del lavaggio del cervello che sta subendo.

Le persone che utilizzano il Gaslighting inoltre dicono palesemente bugie, ma sono molto abili a mascherarle. Il manipolatore tende a “ribaltare le carte in tavola”; si ha così la percezione che tutto quello che è stato riportato non corrisponda al vero, in quanto l’obiettivo è quello di instillare il dubbio per rendere la vittima instabile.

Successivamente i manipolatori tendono a negare quanto detto, e anche se la vittima ricorda benissimo le parole o la circostanza, loro continuano a negare con l’obiettivo di portare la vittima a mettere in discussione la propria realtà. Più questo ciclo si perpetua, più la vittima inizia a dubitare di sé accettando la realtà dell’altro.

Gli abusanti sono anche molto abili nel colpire quanto ciò che si ha di più caro; ad esempio, essi sanno quanto possano essere importanti i figli o la propria identità, pertanto queste possono essere una delle prime cose che attaccano.

In presenza di figli, iniziano ad accusare l’altro di essere un incapace e di non meritare quei bambini.

Mettono in atto una sorta di “terrorismo psicologico” al fine di smantellare le sicurezze di base, con l’intento di rendere l’altro vulnerabile.

Come può la preda non rendersi conto di ciò che le sta accadendo? Come può non essere consapevole del gaslighting, della triangolazione, della violenza? Per comprenderlo chiedo aiuto ad un aneddoto : quello della rana bollita.

Il fenomeno della rana bollita risale ad una ricerca condotta dal John Hopkins University nel lontano 1882. Durante un esperimento, alcuni ricercatori americani notarono che lanciando una rana in una pentola di acqua bollente, questa inevitabilmente saltava fuori per trarsi in salvo. Al contrario, mettendo la rana in una pentola di acqua fredda e riscaldando la pentola lentamente ma in modo costante, la rana finiva inevitabilmente bollita. Questo esperimento descrive esattamente il modo in cui funziona anche il nostro sistema nervoso.

Ogni qualvolta introduciamo un cambiamento radicale nella nostra vita, il nostro cervello, come la rana nell’acqua bollente, cerca disperatamente di ritornare nella sua zona di comfort, annullando ogni nostro tentativo di cambiamento. Pertanto, se violenza, tradimenti, bugie, gaslighting fossero subito palesi, evidenti e molto intensi le vittime fuggirebbero. Al contrario, per ottenere un cambiamento duraturo, per minare pian piano le reazioni sane di fuga, il narcisista maligno e lo psicopatico adotta l’unica tecnica realmente efficace che consiste, inizialmente, nell’introdurre piccoli cambiamenti, piccoli microtraumi, ma in modo costante.

Nel breve periodo, questi piccoli cambiamenti sono impercettibili per il nostro sistema nervoso, ma nel lungo termine avranno determinato la nostra paralisi. E come accade nell’esperimento della rana, la vittima, quando si accorgerà di ciò che sta subendo da tempo, sarà cosi debilitata, danneggiata e prostrata da non riuscire a compiere il salto dalla pentola bollente. Inoltre, rammentiamo che i manipolatori alternano violenza a momenti di lode gratificante e ciò aggiunge un ulteriore senso di confusione nella preda in relazione a ciò che percepisce e ricorda.

Il narcisista perverso e lo psicopatico farà,inoltre, credere agli altri che voi siete pazzi e metterà in discussione la vostra sanità mentale in modo da provocare un allontanamento degli altri da voi. Contemporaneamente, vi dirà che tutti coloro che vi stanno intorno, come amici o parenti, siano bugiardi e questo produce nuovamente una messa in discussione della vostra realtà.

Come difendersi? attraverso l’informazione. All’inizio, dovrete annotare quante più affermazioni e conversazioni possibili e questo non allo scopo di metterlo davanti all’evidenza, poiché da mentitori patologici, negherebbero comunque, bensì per non perdere la vostra lucidità. Il perverso vuole ricorriate esclusivamente a lui, vuole la vostra distruzione psichica, vuole controllare la vostra mente.

Ed allora, frasi quali:

” Me lo hai detto tu non ricordi?”

” Mi hai frainteso, avrai capito male”

“Ne abbiamo parlato un sacco di volte e non lo sai più?”

“Tu non hai memoria!”

“Sei grassa! (magra, brutta, ignorante, incapace, ecc..)”

 “ Non sai fare niente! Non ne fai una giusta!”

“ Ma come non ti ricordi! Me l’hai detto proprio tu!”

“ Questo non me l’hai mai detto! Te lo sarai immaginato!”

“ Le tue amiche sono stupide come te!”

“ Se ti lascio rimarrai sola per tutta la vita!”

“ Tu non sei nessuno!”

Io non dico bugie, sei tu che immagini certe cose”

sono pronunciate al preciso scopo di farti dubitare di te stessa e di non farti avvertire le incongruenze e l’insanità di una relazione che ti sta letteralmente massacrando. Il tuo carnefice sta usando contro di te una crudele tecnica manipolatoria chiamata gaslighting.

 E’ una delle armi invisibili preferite dei manipolatori e violenti psicologici. E’ la forma di violenza psicologica più subdola, non lascia ferite sul corpo bensì lividi nell’anima. Il gaslighter può essere un partner, un familiare, un collega, un capo o un amico.

Il gaslighter è colui che altera la tua percezione della realtà, ti porta a credere che una menzogna sia la verità, che un episodio che ricordi perfettamente sia soltanto frutto della tua immaginazione, ti farà credere di non ricordare una cosa che in realtà non è mai successa, fino a farti credere di essere diventata pazza, tutto con l’unico vile obiettivo di distruggere la tua capacità di giudizio, sviluppare un’insicurezza di fondo e fare in modo che tu dipenda da lui; questa crudelissima strategia manipolatoria può causare conseguenze psicologiche anche gravi nella vittima.

Nel dettaglio,le diverse tecniche di gaslighting sono le seguenti:

Negazione: quando il narcisista maligno o psicopatico gaslighter rifiuta di ascoltare o fa finta di non capire ciò che dici.

 “Me lo hai già detto 100 volte, non voglio ascoltare questo di nuovo”.

 Contrapposizione: quando il gaslighter mette in dubbio i ricordi di situazioni ed eventi della vittima, anche quando la vittima ricorda ogni singolo dettaglio dell’accaduto.

“Non è così, non è vero! Tu non ricordi mai niente,stai perdendo colpi”

Blocco/Deviazione: quando il gaslighter cambia discorso e sposta l’attenzione su un argomento ben lontano da quello su cui si stava discutendo; quando il gaslighter mette in dubbio pensieri ed emozioni della vittima.

 “Queste idee folli te le ha suggerite (un amico, familiare, collega, ecc.)?”

“Te lo sarai immaginato!”

Banalizzazione: il gaslighter sminuisce le emozioni della vittima e banalizza i suoi bisogni emotivi.

“ Tu sei ipersensibile”

“Non ti arrabbierai di nuovo per cose di poco conto?”

sei molto suscettibile su questo argomento a causa dei tuoi irrisolti traumi infantili” (magari in caso di tradimenti)

 Dimenticanza/Rifiuto: il gaslighter fa finta di aver dimenticato fatti accaduti e/o nega di aver fatto determinate promesse alla vittima.

 “Questo l’hai inventato tu!”

“Io non so di cosa tu stia parlando”

Queste dinamiche disfunzionali diventano una spirale che condurrà la vittima al centro dell’inferno della depressione e confusione mentale.

Il gioco è fatto. Lo psicopatico e il narcisista perverso, in fase iniziale, finito il love bombing, userà sarcasmo e critiche raramente e “innocentemente” ma con il passare del tempo le critiche e svalutazioni diventeranno più crudeli e insistenti. Tuttavia, la preda, piegata dal gaslighting, spaventata dal trattamento del silenzio, che ha già ricevuto ( anche se per poche ore o giorni), resa timorosa dalla colpevolizzazione (“tu non mi ami, non mi capisci, se mi amassi faresti così…, non mi faresti pressione…, vestiresti così…ti occuperesti di più di me”) e non fidandosi più delle sue percezioni della realtà e della sua memoria, la vittima farà sempre più affidamento sul suo partner rafforzando così una spirale da cui non sarà facile uscirne.

 Per sottrarsi a questa violenza occorre rendersi conto che si è vittime della stessa, prestare attenzione ai campanelli di allarme, annotare le frasi sopra indicate e se si ripetono frequentemente valutare l’interruzione immediata della relazione e dei contatti ; come ogni tecnica disfunzionale adottata dal perverso, anche questa ripete uno schema fisso e questo è, per la vittima consapevole, un vantaggio.

Bisogna,inoltre, ripristinare la fiducia in se stessi anche se è stata duramente danneggiata. Ora che sei cosciente del fatto che si tratta di una strategia di manipolazione e che il problema non sei tu, le tue emozioni e la tua memoria, ogni volta che sei bersaglio di un attacco del gaslighter ricorda che è solo una tattica di abuso mentale.

Ricorda che le tue emozioni e i tuoi sentimenti sono validi e veri, che certe espressioni vengono usate dal gaslighter solo per ferirti, fidati della tua memoria, tu sei capace di ricordare ciò che è successo, ciò che hai visto e sentito perfettamente.

Secondo la Dott.ssa Robirn Stern i sintomi nelle vittime di gaslighting sono i seguenti:

  • Metti in dubbio te stessa costantemente
  • Chiedi a te stessa: “Forse sono io ad essere troppo sensibile?”- più volte al giorno
  • Ti senti spesso confusa e pazza
  • Ti scusi sempre con il tuo partner
  • Non riesci a capire perché non riesci ad essere felice
  • Cerchi spesso delle scuse per giustificare i comportamenti del tuo partner ad amici e familiari
  • Senti che qualcosa sia sbagliato, che c’è qualcosa che non va ma non sai bene di cosa si tratta
  • Cominci a mentire per evitare di essere svalutata e sminuita
  • Hai problemi nel prendere piccole decisioni
  • Senti che in passato eri una persona diversa- più sicura di te stessa, più felice, più risolutiva
  • Ti senti persa e infelice
  • Ti senti come se non riuscisse a fare niente di buono
  • Ti chiedi se sei una “buona” partner

Fidati di te. Fidati della tua memoria. Fidati delle tue sensazioni. Fidati delle tue intuizioni. Fidati del tuo dolore: se soffri è perché qualcuno ti sta facendo soffrire. Fidati delle tue ferite: se le hai è perché qualcuno ti sta ferendo. Fidati della tua rabbia: se ne hai è perché qualcuno ti sta facendo arrabbiare. Fidati della tua confusione: se ti senti confusa è perché qualcuno vuole confonderti.

Fidati di te stessa sempre.

Fidati di te stessa, maggiormente di quanto tu possa fidarti di qualcun altro.

 

 

Tutti i diritti sono riservati. E’ vietata qualsiasi riproduzione, utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente blog, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, diffusione e distribuzione dei contenuti stessi mediante qualsiasi piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte dell’autore Avv. Marina Marconato. I CONTENUTI DEL BLOG E DI OGNI ARTICOLO POSSONO ESSSERE CONDIVISI SOLO ED ESCLUSIVAMENTE CITANDONE L’AUTRICE E LINKANDO LA FONTE.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La triangolazione del narcisista patologico e dello psicopatico

Lo psicopatico ed il narcisista perverso adottano molteplici modalità di manipolazione, asservimento e distruzione psichica ed emotiva della preda, sia essa un partner, un figlio o un genitore.

E’ bene comprendere che anche la prima fase di  idealizzazione ed apparente amorevolezza dello psicopatico o narcisista perverso, chiamata love bombing, è una modalità pre-fissata in modo strategico e,pertanto, assolutamente falsa e recitata.

image

Fu una giostra senza luci senza fate cavalli e re e tu, guardiano del nulla, creavi incantesimi per far brillare il mortale marchingegno.

M.M.

 

Lo psicopatico ed il narcisista perverso adottano molteplici modalità di manipolazione, asservimento e distruzione psichica ed emotiva della preda, sia essa un partner, un figlio o un genitore.

E’ bene comprendere che anche la prima fase di  idealizzazione ed apparente amorevolezza dello psicopatico o narcisista perverso, chiamata love bombing, è una modalità pre-fissata in modo strategico e,pertanto, assolutamente falsa e recitata.

Uno dei sistemi utilizzati e’ la triangolazione. Cos’è la triangolazione?
È un sistema di manipolazione molto potente. È un metodo sadico e perverso utilizzato dal narcisista patologico per manipolare due soggetti che lui osserva compiaciuto. Qual’e’ lo scopo che soddisfa attraverso questo strumento infernale? Il rifornimento narcisistico  ed il divertimento, ovvero le due finalità che si propone di raggiungere sempre e che muovono ogni sua decisione.

Si da’ poca importanza a questa forma di manipolazione la quale, invece, provoca molto spesso un dolore intenso nella preda e ne mina, nel profondo, la struttura emotiva e la saldezza psichica. Una volta prodotto l’innamoramento, una volta stabilito l’aggancio, scatta la TRIANGOLAZIONE. Lo psicopatico la utilizza in modo da generare la gelosia, suggerendo, facendo intravedere altri interessi. Da una parte c’è il partner, dall’altra lo psicopatico con una terza persona, che può essere davvero esistente o fittizia. Si faccia attenzione tuttavia al fatto che ex prede, nuove prede e potenziali prede erano presenti anche durante la prima fase di idealizzazione ma lo psicopatico o il narcisista perverso ritenevano importante  e funzionale nasconderle. Nelle fasi successive, quelle  di svalutazione violenza e scarto indotto, al contrario, diviene necessario far intravedere alla partner cosa stia accadendo, al fine di generare angoscia, ansia, paura, attaccamento,  dominazione ed anche ( forse questo è l’aspetto più orrendo) al fine perverso di trasformare la vittima in un essere teso, geloso, isterico, iper controllante, nervoso o addirittura, indurlo al tradimento, operando in tal modo la ” corruzione” della sua identità onde farla divenire, a parere del manipolatore, simile alla sua. Il narcisista patologico e lo psicopatico adottano la triangolazione in modo indiretto e la vittima non comprende che ciò che si produce è appunto una manipolazione.
Questa attitudine a flirtare del manipolatore (tenendo sempre vive le ombre delle ex, presentando o suggerendo persone che potrebbero essere future candidate) produce nella vittima una maggiore dipendenza, una sensazione che si confonde con la gelosia patologica ma non lo è perchè e’ COMPLETAMENTE INDOTTA, e’ un artificio creato ad arte. Come lo psicopatico ed il narcisista maligno usano il sistema dello SCARTO INDOTTO (vedi articolo sullo scarto in questo blog ) così determinano, attraverso la triangolazione, una gelosia ed un controllo INDOTTI. La vittima assume atteggiamenti ossessivi, patologici e si percepisce come malata, strana; il suo capo le parla e lei non accolta, i figli la chiamano e lei non ascolta, la sua amica le racconta un problema e lei, ancora, non riesce ad ascoltare giacche’ nella sua mente c’è solo lui e quell’altra o il timore dell’altra. Il perverso, di contro, a tratti finge di tollerare i suoi controlli dall’altro accusa il partner di sfiducia, si lagna di esser messo sotto pressione, si erge a vittima soffocata ed incompresa sia di fronte a lei sia di fronte ad amici, parenti e nuove o vecchie fiamme. Queste ultime, convinte di essere migliori della vittima e di rivestire un ruolo di comprensione e sostegno, dei quali il narcisista e lo psicopatico non possono fare a meno, rimangono agganciate. Esse non sanno che lo psicopatico stesso a volte consegna le password di mail o profili alla vittima per indurla a rimanere ” amore non ho fatto nulla ” oppure ” ho sbagliato ma tu sei così diversa sempre arrabbiata ed io ero esausto e… Ho sbagliato ma ti amo non posso perderti. Ecco tieni le password, controlla il cellulare così tornerai a fidarti di me “… In realtà, il perverso, che non cambia ed anzi rinforza la dose di triangolazione, crea ancor più confusione e spinge la vittima a spendere il suo tempo in minuziosi ed estenuanti controlli. Ecco, il piano è’ perfetto, la strategia vincente: il predatore ottiene una vittima sempre più dipendente, destrutturata, corrotta, angosciata che compie gesti esagerati, crea falsi profili per spiarlo, chiama incessantemente, e’ tormentata dai sensi di colpa e disposta a sopportare qualunque nefandezza pur di tornare alla sensazione di sicurezza mentre egli si assicura altre creature adoranti che, inconsapevoli di essere bambole o bambolotti dell’harem, si elevano a protettrici  e protettori; inoltre, tutto ciò genera situazioni esplosive, ricche di dramma, pathos e colpi di scena e tanta adrenalina che lo aiutano a vincere la noia (temutissima emozione), e ad ottenere un elevato rinforzo narcisistico. In più, quando gli servirà indurre lo scarto e liberarsi della vittima, basterà aumentare  la messinscena della triangolazione perché ella, sfinita e disgustata, chiuda il rapporto o aumenti l’ossessivo controllo producendo la chiusura della relazione da parte di lui che si fingerà esausto e maltrattato anche dinanzi agli altri, resi spettatori e marionette. 

Il burattinaio e’ soddisfatto : per questo lui adora la triangolazione.
Nell’epoca dei social, delle chat, dei profili artatamente costruiti sui siti di incontro, nell’epoca consacrata a whatsapp, a Facebook, ove ogni apparizione e sparizione  di se’ può essere preordinata a tavolino, il narcisista perverso o lo psicopatico  (che tendono sempre ad ottenere molto con lo sforzo minimo) possono fare triangolazione muovendo un solo dito ( un like al posto giusto può catturare una nuova preda e far impazzire la vecchia, una foto accanto ad una donna può essere pubblicata e scatenare mesi di rabbia e paura)  per avere il controllo. In questa fase, che può durare anni,  ritroviamo una caratteristica centrale di questo tipo di relazioni con psicopatico: la vittima si trasforma in un detective o in una spia, controlla ovunque, in ogni rete sociale che lo psicopatico sta utilizzando per organizzare la triangolazione, crea al pari di lui, ma per ragioni tristemente diverse, falsi profili al fine di capire COSA SUCCEDA REALMENTE. Questo non accadrebbe in una relazione normale, non accadrebbe nemmeno se il partner normale stesse tradendo. Perché ? Perché un partner non psicopatico o narcisista patologico, ancorché scorretto, non userebbe la triangolazione. Un soggetto normale tradirebbe nascondendo bene il tradimento per non essere scoperto e per non ferire oppure, se  fosse un playboy senza scrupoli non si preoccuperebbe di nasconderlo ma, appunto, tutto apparirebbe chiaro, lineare e la vittima avrebbe modo di avere un quadro preciso davanti agli occhi, non scatterebbero i controlli ossessivi, l’ansia, la paranoia, non trascorrerebbe le ore spiando il perverso, trascurando tutto il resto, figli, casa, lavoro, amici e se stessa ma vedrebbe la realtà e si allontanerebbe.   Lo psicopatico invece vuole indurre la vittima a sentire sempre in pericolo la relazione senza essere sicura di nulla, vuole portare la vittima a dubitare delle sue percezioni anche perché il perverso giura amore e fedeltà ( mentre si fa vedere perennemente on line) : è terribile perchè la vittima non sa che questo è un gioco perverso esclusivamente costruito per manipolarla e distruggerla. La vittima si trasforma,  da persona fiduciosa, tranquilla, in una persona che sta costantemente in stato di allerta ed accumula un livello di stress che, spesso, la fa ammalare. Tutto questo e’  il prodotto del lavoro meticoloso dello psicopatico.”

Il narcisista perverso e lo psicopatico usano la triangolazione anche in altri rapporti. Sovente, il narcisista manipola uno o tutti i figli contro il partner per evitare che divorzi da lui. Dira’ che una separazione sarà devastante per i figli ed a loro però dirà che l’altro genitore e’ responsabile della crisi e della separazione. Molti a questo punto si sentono in colpa e non si separano. Al narcisista non importa di fare soffrire i figli con questa tattica, lui vuole solo ottenere i suoi risultati e vincere su di te. Se il perverso e’ tuo genitore manipolerà tuo fratello o sorella contro di te e tra voi si scatenerà una lotta per avere l’attenzione e quella accettazione sospirata che non avrete mai.

La triangolazione con alcuni membri della tua famiglia avviene o lamentandosi di esser trattato male dai tuoi parenti o facendo la vittima davanti ai suoi. Se è separato, il manipolatore dirà che i suoi figli non accetterebbero una nuova figura, relegandoli al ruolo di eterno amante.

La triangolazione nell’ambiente di lavoro è molto comune. Può essere che il narcisista o lo psicopatico manipolino la storia col tuo capo per guadagnarsi una promozione, prendersi il valore di quello che hai fatto tu, oppure svalorizzando, disprezzando, o incolpandoti degli errori in un lavoro di gruppo. Lo farà in un modo molto sottile per fare in modo che il capo creda a questa cosa

Molti narcisisti maligni o psicopatici, se gli conviene per raggiungere un obiettivo che gli sta a cuore ( riconquistare una preda, ottenere uno sconto di pena ad esempio) vanno in terapia, qualcuno si sottopone anche alla terapia di coppia. Se il tuo partner è un narcisista maligno non fare terapia di coppia perché non servirà a nulla ed anzi manipolerà entrambi . Devi andare a fare terapia da sola e da chi ha esperienza di manipolazione relazionale. Il narcisista maligno o lo psicopatico col suo incanto superficiale può triangolare e ammaliare il terapeuta.

La triangolazione rende le vittime caricature di se stesse, le immerge in pensieri ossessivi, timori angoscianti, le trasforma in pessime madri, pessime lavoratrici, pessime amiche. La triangolazione rende le vittime ridicole, inducendole a creare profili falsi, a pubblicare immagini o post sui social colmi di messaggi subliminali che ostentano una falsa e poco credibile felicità o che mostrano apertamente la rabbia ed il dolore. La triangolazione accende lo stress e pone in uno di iper vigilanza perenne, costringe a vivere settimane, mesi, anni nello stato di allerta.

La triangolazione infine insegnerà alle vittime la sfiducia e la paura che porteranno anche nelle future relazioni.

Questa forma di violenza, come tutti gli altri strumenti di tortura psichica, e’ una delle armi  del  burattinaio perverso,  cioè di colui o colei che, sin dal principio, ha deciso di distruggervi, recitando l’amore.

 

 

Tutti i diritti sono riservati. E’ vietata qualsiasi riproduzione, utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente blog, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, diffusione e distribuzione dei contenuti stessi mediante qualsiasi piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte dell’autore Avv. Marina Marconato. I CONTENUTI DEL BLOG E DI OGNI ARTICOLO POSSONO ESSSERE CONDIVISI SOLO ED ESCLUSIVAMENTE CITANDONE L’AUTRICE E LINKANDO LA FONTE.

Non guardate il profilo social dello psicopatico o del narcisista perverso

La vittima di una relazione con uno psicopatico o con un narcisista patologico sviluppa violenti sintomi della dipendenza affettiva e molto frequentemente un trauma generato dalla relazione con loro . Il tempo e’ fondamentale perché avvenga una riprogrammazione interiore

woman ansia

                       PIOVE. IO STO QUI ALLA FINESTRA A GUARDARE UN RICORDO.

                                                                                                                                        M.M.

La vittima di una relazione con uno psicopatico o con un narcisista patologico sviluppa violenti sintomi della dipendenza affettiva e molto frequentemente un trauma generato dalla relazione con loro . Il tempo e’ fondamentale perché avvenga una riprogrammazione interiore e di vita . Il primo passo però è’ trovare la forza di attuare un no CONTACT totale che conduce lontano dal veleno e dalla manipolazione, altrimenti la vittima rimane agganciata e rischia di lottare contro i mulini a vento , rischia di agitare le ali come una farfalla che tenta di volare ma rimane impigliata nella stessa rete che l’ha catturata. Il dolore e gli attacchi di ansia insonnia incubi pensieri ossessivi sono crisi di astinenza veri e propri e non possono essere eliminati ma possono e devono essere attraversati e vissuti e si attenuano con passare delle settimane . In due o tre mesi circa c’è un abbassamento sensibile di questi sintomi purché il no CONTACT sia mantenuto .
State attenti però’ alle trappole. La tecnologia ed i social , utili come ogni forma di progresso, se ben utilizzata, nel caso di chiusura di una relazione e, soprattutto, di una relazione disfunzionale, sono pericolosi.  Quando una storia tra due persone che si sono scambiate qualcosa di autentico finisce, c’è condivisione, comunque, del lutto, c’è  lentezza nel salutarsi , c’è, anche da parte di chi non dovesse amare più, un affetto che si sostituisce all’amore, ci sono ricordi belli condivisi, esiste un passato autentico. E, quindi, c’è l ‘andar via graduale , sofferto e reale tristezza.
Con gli psicopatici o gli narcisisti perversi non avviene nulla di tutto questo, a parte una maschera che cade ed il castello di carte che crolla. Si verificano sparizioni improvvise, alibi insostenibili, colpevolizzazioni della vittima a dir poco fantasiosi, c’è una sostituzione simultanea, e soprattutto c’è l’indifferenza totale che il partner percepisce : si chiama annullamento. Soltanto chi è anaffettivo, come gli psicopatici ed i narcisisti maligni, può passare nel giro di pochi giorni, a volte di poche  ore, dal ” ti amo ” al ” non esisti più” ed è questo, più che la fine in sè della relazione, a devastare, semplicemente tale disumana modalità devasta.
Così, chi ha amato non vuole e non può accettare il disastro e si ostina ad inseguire il volto del manipolatore attraverso una foto, si ostina a studiare analizzare vivisezionare ogni post, accesso o non accesso al famigerato whatsapp o Facebook o altra diavoleria.Si incarta, si spreme, si tortura, osservando la vita altrui che prosegue.
Ai tempi dei nostri nonni, se accadeva che chi amavi ti aveva ingannato ed abbandonato, oltre che piangere capire e chiudere, non potevi fare.Ai tempi dei nonni  un addio durava un orribile istante, poi si viveva il lutto  con esso un nuovo ciclo .
Ora, un addio dura mesi , anni .
Tempo e vita regalata al nulla.

Staccate i contatti se volete iniziare a rinascere e combattete la pulsione malata e dannosa di spiare lo psicopatico e il narcisista perverso o le sue donne. Cessate di leggere i suoi post, vedendo in essi messaggi subliminali per voi.Potreste vedere ciò che non esiste o, a volte,leggere davvero messaggi nascosti per voi che tuttavia non significano amore pentimento rimpianto ma solo il continuum di quella modalità perversa di volervi tenere agganciati alla speranza di un sentimento che non è mai esistito ed una relazione sana ed appagante che non esisterà mai. A ben vedere, il partner abusato non riesce ad accettare che lo psicopatico sia felice altrove, non accetta che egli non paghi un prezzo e non vuole essere sostituito. E voi tornate al buio. Avviene così. La mente dice ” è lui , lui è così, non c’è speranza, e’ pericoloso,  mi fa del male “, ma gli occhi si aprono solo un attimo poi di nuovo si chiudono. La voglia di lui diventa insostenibile, quello delineato nei profili degli esperti e’ lontano, il vostro lui invece no, ne rammentate il sorriso, il tocco e sentite irrefrenabile il richiamo . E lui lo sa. In fondo, vi ha ipnotizzato, vi ha ” riprogrammato “, e vi ha scelto perché sapeva di poterci riuscire, siete una sua creatura, una sua creazione. Non ci sarà psichiatra al mondo, farmaco al mondo, amore per i figli ( se ne avete ) che potrà portarvi in salvo se non la decisione ferma, irremovibile, di dire basta. E di salvarvi . Perché lui tenderà ad uccidervi se non nel corpo, nella mente. Vi tiene in pugno da lontano, col silenzio , ostentando serenità , forza , nuovi amori , insomma recitando l’ultimo dei suoi ruoli . Voi non sapete vedere che lui è solo un misero meccanismo che recita un copione sempre identico. Voi non sapete che, se resistete e non chiamerete e non guarderete , presto sarete almeno fuori dal labirinto e dall’ipnosi. L’ultimo suo inganno e ‘ questo : farvi credere che non ce la farete . Farvi percepire un dolore immenso, una ansia immensa che ritenete di non poter superare . È’ solo uno dei suoi inganni .
Credeteci

Ci sono dei momenti terribili che la vittima di un narcisista maligno o di uno psicopatico vive in modo particolarmente difficile; uno dei questi è il week-end.

I WEEK END della vittima nella relazione disfunzionale rappresentano un momento molto spesso tremendo. C’è  più tempo per pensare, per rimuginare e non si e’ costretti a fare uno sforzo e fingere che tutto sia a posto. Così, che ci sia la pioggia o il sole, la vittima se ne sta seduta su una sedia, su una  panchina del portico o su un divano, le braccia abbandonate lungo il corpo stanco, lo sguardo fisso davanti al nulla. E le ore le passano addosso . Non la scuotono i raggi del sole o il fragore dei lampi ne’ il vociare dei bambini. Non vuole e non riesce a partecipare alla vita. Altre volte , invece , cammina su e giù per le stanze , pensieri ricorrenti si affollavano e si spingono fra loro , sono rumorosi , ognuno rivendica il diritto di parlare più degli altri e la testa rimbomba senza sosta .La vittima averte come un fiume incandescente attraversarla tutta , lo si può chiamare Ansia. Ansia arriva improvvisamente, non ha  rispetto per la notte o il giorno, non importa se si stia  mangiando o lavorando oppure facendo la fila in banca. Ma durante il week-end, Ansia e’ sempre vicino, segue la vittima dello psicopatico ovunque, e’ diventato la sua ombra ed il suo riflesso, tanto che evita sempre più spesso di guardarsi allo specchio per timore di vederlo la’, al posto della sua immagine. Eppure, ella ricorda seppur vagamente che, molto tempo prima, prima che lo psicopatico o il narcisista maligno entrassero nella sua vita, i fine settimana erano sereni, ricorda che le piaceva oziare, fare un lungo bagno profumato o andare a passeggiare, ricorda che la sua mente era stata libera, i pensieri lineari e distesi e che il suo corpo, prima di allora, non si era mai buttato su quella panchina. Passano  mesi e mesi e mesi, ed ella osserva la v,ita passarle  davanti agli occhi come fosse una pellicola di un film che non ha più  interesse a guardare .
Poi, scatta qualcosa. Poi, un pensiero alza la voce, fa ammutolire tutti gli altri pensieri scoordinati ed urlanti e dice “basta così “.
Non è  cambiato nulla all’esterno, ma tutto invece, sta iniziando a cambiare all’interno.
I week-end non la trovano più impreparata e non teme la tentazione di tornare sulla panchina o l’assalto sgradito di Ansia, individua cosa sia necessario fare. Sceglie la vita. Opta all’inizio per cose che hanno a che fare con la manualità e che distraggano la mente stanca.  Si inventa giardiniera ( può non sopravvivere una pianta, ma si accetta la sconfitta ), e pittrice , inizia a decorare bottiglie e programma passeggiate, commissioni, letture, film. Insomma non un’ora viene più lasciata al caso .
Funziona. Oggi non ha più bisogno di fare alcun programma e davanti ai suoi occhi non passa più quella pellicola. Oggi lei e’ una dei protagonisti di quel film che proietta la sua vita, coprotagonista anzi , unitamente a tutti coloro che ama  e che la amano .
Non spaventatevi delle ore in cui sarete soli, ma trovate il vostro sistema perché questo tempo non vi inghiotta.
Aprite quegli occhi, svegliatevi, resistete, cercate aiuto. E sarete in salvo in meno tempo di quanto potete ora immaginare. E sarete una ex vittima .
Sarete di nuovo persone libere .

E non  vergognatevi mai dell’amore che avete dato e non vergognatevi delle sciocchezze che avete fatto.
Cominciate a ristabilire un ordine vero : vada la vergogna da chi dovrebbe averne e la gentilezza a chi ha diritto di riceverne : voi .

 

Tutti i diritti sono riservati. E’ vietata qualsiasi riproduzione, utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente blog, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, diffusione e distribuzione dei contenuti stessi mediante qualsiasi piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte dell’autore Avv. Marina Marconato. I CONTENUTI DEL BLOG E DI OGNI ARTICOLO POSSONO ESSSERE CONDIVISI SOLO ED ESCLUSIVAMENTE CITANDONE L’AUTRICE E LINKANDO LA FONTE.

 

Un narcisista perverso si confessa:”sono un buco nero”

Il narcisista perverso o lo psicopatico e’ cosciente delle proprie azioni ? sa di fare del male a chi lo ama ? E’ consapevole di operare una distruzione sistematica della emotività dell’altro ? Lo psicopatico o il narcisista patologico adottano sistemi di cattura, indebolimento, imprigionamento ed, infine, distruzione della vita altrui…

image

e poi al re sfuggi la nera parola
e lei vide il volto di un’ombra senza confine
                                                                                       M.M.

Il narcisista perverso o lo psicopatico é cosciente delle proprie azioni? Sa di fare del male a chi lo ama? E’ consapevole di operare una distruzione sistematica della emotività dell’altro? Lo psicopatico o il narcisista patologico adottano sistemi di cattura, indebolimento, imprigionamento ed, infine, distruzione della vita altrui, dell’altrui fiducia, dell’altrui autostima. Spezzano i sogni e la capacità di difesa, deprogrammano la facoltà cognitiva, estraggono dalle ossa la linfa vitale e la creatività dell’altro, rinnegandone la nascita, bloccandone la vitalità.
Uno degli interrogativi più frequenti della vittima, una volta che si sia resa conto della situazione, una volta che, con l’animo a brandelli e la psiche frammentata, abbia ricomposto il puzzle, è: ma ne era consapevole ? Sapeva ciò che mi stava facendo ?
Una delle vittime ha deciso di raccontare cosa le è stato detto dal suo partner. Questo dialogo è realmente avvenuto, non è una invenzione e questo blog ringrazia la vittima, che lo ha vissuto e che ha subito durante questa relazione gravi abusi psicologici, per aver deciso di condividerlo e di aiutare chi oggi vive relazioni simili.

“Al tempo in cui avvenne il dialogo” racconta C. “ ero totalmente incastrata nella relazione, stavo male ma non riuscivo a capire cosa stesse accadendo. Intuivo che c’era qualcosa di diverso e di terribile ma non sapevo dargli un nome e brancolavo in una fitta nebbia”.
C. era profondamente innamorata di lui ma, come avviene in tutti i casi, non riusciva a dare un senso a quanto accadesse.
Una sera, C. ricevette una sua telefonata, l’ora era insolita. La conversazione iniziò come di consueto, con un miscuglio di parole. Una sorta di linguaggio in codice, in cui ogni frase aveva sempre un sotto testo ed un diverso e, spesso, inafferrabile senso. In realtà, quando C. si trovava a voler raccontare ad un’amica cosa si fossero detti, non riusciva a farlo perché quei discorsi erano vuoti e pieni insieme, travestiti. Era quasi un linguaggio in una lingua diversa, un linguaggio in cui il non detto era il vero dialogo ed il pronunciato la sua maschera.
Ma diversamente da tutte le altre volte, quella sera C. ascoltò’ qualcosa che le avrebbe fatto orrore.

Lui le disse con una voce strana, quasi metallica, una voce dal timbro sconosciuto: “tu non lo sai ma sei luce“. Lei sorridendo gli rispose “ luce ? In che senso sarei luce ?” lui continuò “ascolta, non ridere, ascolta bene perché non lo ripeterò più: attenta ai buchi neri C. lo interruppe “i buchi neri? Perché dovrei stare attenta ai buchi neri? Che stai dicendo?” Lui allora le disse vedi tu sei luce, tu brilli e la tua luce si propaga ed i buchi neri allora ti individuano; non sto scherzando e tu devi cercare di capire“.
C. non capiva ma sentiva un tremore nelle ossa. Temette di dimenticare ciò che stava udendo, le capitava spesso ormai, si sentiva stanca, così prese un foglio ed una matita ed iniziò a trascrivere ciò che quell’uomo le stava dicendo.
Esistono i buchi neri e cercano la luce per sopravvivere, non ne possono fare a meno. Tu sei luce, ne hai molta e li attrai“. C. si sentiva sempre più inquieta e gli chiese “ma chi sono i buchi neri e cosa vogliono?
Lui le rispose: “i buchi neri sono esseri che hanno un vuoto incolmabile, senza fine e che non sopravvivono senza catturare la luce. Una volta che la hanno individuata, essi la attraggono e quando è vicina la inglobano. I buchi neri devono inglobarla e la inghiottono così sperano di trasformarsi loro stessi in luce. E più quella luce è grande e più fanno di tutto per poterla inghiottire e nutrirsene così ritengono di uscire dalla loro condizione di essere buchi neri“.

C. trascriveva tutto velocemente, non afferrava ancora il significato di quelle parole ma sapeva che un giorno le sarebbe stato utile poterle ricordare. “Ma i buchi neri amano la luce?”, gli chiese “no, un buco nero non sente nulla ma ha un irrefrenabile impulso: vuole quella luce, la vuole divorare e vuole diventare lei“. C. allora chiese “ma se il buco nero ingloba la luce, cosa sarà della luce?”. Lui le rispose “la luce non esisterà più. Stai attenta, devi imparare a riconoscerli e ad allontanarti perché se gli arrivi troppo vicino, ti attrarranno e ti ingloberanno. Tu sei luce, attrarrai sempre i buchi neri e sempre essi tenteranno di risucchiarti“.

A C. sembrava una conversazione surreale e tuttavia domandò: “se la luce fugge e si allontana cosa fa il buco nero?” Lui rispose subitoil buco nero farà di tutto pur di non perdere la luce e se non riuscirà a trattenerla nella sua orbita allora tenterà di distruggerla perché non può sopportare che essa graviti e splenda altrove. Devi stare attenta, perché i buchi neri sono molti“.
Quando la telefonata si concluse, C. rimase inginocchiata a terra con il foglio in mano e lo rilesse per tutta la notte; leggeva e rileggeva con gli occhi spalancati ed il cuore in tumulto. Non sapeva di essere luce ma soprattutto non sapeva nulla dei buchi neri e tuttavia sentiva che lui le aveva detto la verità, per la prima volta, sapeva cioè che, sebbene in apparenza la conversazione potesse essere sembrata farneticante ed assurda, era stata invece vera. Allora iniziò ad avere paura.
Lui non era un soggetto destabilizzato o dissociato, lui non era strano o isolato; al contrario, era una persona lucida, di grande intelligenza ed ottimamente inserita in società; rivestiva un alto livello professionale, godeva della incondizionata stima di colleghi e familiari, eccelleva in ogni cosa facesse, dal lavoro all’arte, allo sport: lui era un leader ed un punto di riferimento. Solo con C. aveva manifestato modalità malvagie e perverse, sottilmente perverse, inafferrabili e quasi inspiegabili.
A volte, C. aveva l’impressione di essere l’unica a conoscerlo davvero ed a vedere il suo vero volto, un volto sfigurato, un volto grigio e freddo, come quello dei morti; altre volte, C. credeva invece di stare impazzendo e di vedere cose inesistenti, frutto della sua immaginazione: iniziava a perdere la fiducia in se stessa, a rinnegare le sue sensazioni.
Quella notte però, lui le fece un regalo, l’unico: le confessò’ di essere un buco nero e quale fosse il suo obiettivo.
Ora C. sapeva di non essere pazza, sapeva di non essersi sbagliata e pur sentendosi prigioniera e debole, pur non avendo quelle informazioni che solo successivamente avrebbe appreso dai libri, ora sapeva chi aveva di fronte e cosa andava fatto: raccogliere le forze ed organizzare la fuga senza essere distrutta.

Uscire dal campo di attrazione del buco nero non fu semplice e richiese un’estrema lucidità, forza e strategia. Tuttavia, c’era in gioco qualcosa di molto serio: la propria sopravvivenza.

 

Tutti i diritti sono riservati. E’ vietata qualsiasi riproduzione, utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente blog, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, diffusione e distribuzione dei contenuti stessi mediante qualsiasi piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte dell’autore Avv. Marina Marconato. I CONTENUTI DEL BLOG E DI OGNI ARTICOLO POSSONO ESSSERE CONDIVISI SOLO ED ESCLUSIVAMENTE CITANDONE L’AUTRICE E LINKANDO LA FONTE.

 

La vittima:18 passi per dimenticare lo psicopatico o il narcisista perverso

Ora è finita.Questa sconvolgente relazione nella quale ti sei trovata e nella quale hai perso il tuo tempo, la tua gioia, la tua passione, i tuoi soldi ed, in parte, te stessa, adesso è finita.

Cala il sipario sulla storia più disumana, dolorosa, squallida ed incomprensibile che probabilmente tu abbia mai vissuto. Il quadro è desolante. Poco importa quanto sia durata la giostra montata ad arte dallo psicopatico

image

Mi avvolga il fiore

mi sfiori l’onda

si aprano le danze.

Ascolto la musica del grande albero

sono acqua vento fuoco

M.M.

Ora è finita.Questa sconvolgente relazione nella quale ti  sei trovata e nella quale hai perso il tuo tempo, la tua gioia, la tua passione, i tuoi soldi ed, in parte, te stessa, adesso è finita.

Cala il sipario sulla storia più disumana, dolorosa, squallida ed incomprensibile che probabilmente tu abbia mai vissuto. Il quadro è desolante. Poco importa quanto sia durata la giostra montata ad arte dallo psicopatico che ti ha scelto, i danni sono sempre enormi, soprattutto da un punto di vista emotivo e psicologico.

I primi tempi, la vittima si sente in parte sollevata dalla chiusura della relazione e trova ristoro dall’interruzione dei meccanismi malati di tortura ed avverte un abbassamento dei livelli di ansia che, erano diventati altissimi, soprattutto nelle ultime fasi della storia, quando il narcisista perverso, senza comunicarlo apertamente, aveva già deciso di scartarla ed aveva quindi aumentato le dosi di violenza, insulti, silenzi, triangolazioni. Tuttavia, col trascorrere dei giorni, il silenzio dello psicopatico, il suo mancato ritorno, risuona e dilania. Lo psicopatico chiude la storia, o induce la preda a chiuderla, nella maniera peggiore, allo scopo di lasciare la vittima, per un periodo molto lungo e a volte per sempre, psicologicamente agganciata al suo ricordo ed in perenne ed incofessabile attesa. Ella ormai è costretta ad affrontare la verità, a muoversi tra le macerie, ma non riesce ad accettare che davvero tutto sia stato falso, creato sin dall’inizio dal carnefice solo allo scopo di ottenere il suo più totale sfruttamento e la sua distruzione. La vittima non riesce ad accettare di essere stata uno degli oggetti e che, per questo massacro, non vi sarà risarcimento alcuno e pentimento alcuno. La vittima non può accettare che la mente dello psicopatico si è resettata completamente ed ella è uscita dalla sua testa e dalla sua vita, senza lasciare rimpianti, ricordi, dolore o nostalgia.

Appare disumano ed, infatti, lo è.

Rabbia, dolore, crisi violente di astinenza derivanti dalla dipendenza affettiva che lo psicopatico ha creato nel partner, incredulità, autocolpevolizzazioni ed una autostima scesa quasi allo zero assoluto, rendono l’esistenza della ex preda un inferno.

La parte più faticosa sarà cancellare il manipolatore relazionale dalla propria emotività. Egli si è piantato la’, nella mente della vittima, vi si si è seduto come un re sul proprio trono e vive in lei come se fosse reale . A distanza di mesi, a volte di anni, le vittime, nei loro pensieri, continuano a parlargli, lo insultano, lo immaginano buono e felice con un’altra, lo odiano poi no… lo adorano, senza osare confessarlo a nessuno. Insomma, il cervello va in tilt, mentre lui, francamente, si gode la sua vita fatta di abusi e nullità.

La vittima, i suoi familiari o amici e, spesso anche i terapeuti a cui si affida, non si rendono conto della violenza che ella ha subito e non sanno individuare che molto frequentemente ha sviluppato un disturbo post-traumatico da stress (anche PTSD, acronimo dei termini inglesi Post-Traumatic Stress Disorder). Questo disturbo risulta connesso alla deprogrammazione psichica attuata dal carnefice ed è, senza ombra di dubbio, uno dei più importanti e caratteristici disturbi legati all’esperienza di eventi traumatici. Esso rientra nella categoria generale dei cosiddetti disturbi d’ansia.

In base a quanto riportato dal DSM-IV-TR, il disturbo post-traumatico da stress si manifesta quale conseguenza di un evento particolarmente stressante e traumatico che il soggetto ha vissuto direttamente oppure al quale ha assistito e che ha implicato morte, o minacce di morte, o gravi lesioni, oppure una minaccia all’integrità fisica propria o di altre persone (per esempio un’aggressione personale, uno stupro, un rapimento, una guerra, una tortura, una malattia particolarmente grave, un incidente ecc.).  La risposta della persona all’evento traumatico è estremamente variegata e comporta paura intensa, sentimento di impotenza e/o orrore; tale evento viene rivissuto frequentemente con ricordi particolarmente spiacevoli, invasivi e ricorrenti (pensieri, percezioni, incubi, sogni poco piacevoli, sonno disturbato, irritabilità, collera immotivata, ipervigilanza, difficoltà a concentrarsi, disagio psicologico intenso nel momento in cui si viene esposti a fattori scatenanti che ricordano anche in parte. Si rileva una

1) diminuzione dell’interesse o della partecipazione ad attività significative.

2) Sentimenti di distacco o di estraneità verso le altre persone.

3) Affettività ridotta (per esempio, incapacità di provare sentimenti di amore).

4) Sentimenti di riduzione delle prospettive future (per esempio, ritenere di non poter mai costruire una famiglia o di non poter avere una carriera lavorativa di una certa importanza ecc.).

D – Sintomi persistenti di aumentato arousal* (non presenti prima del trauma), come indicato da almeno due dei seguenti elementi:

1) Difficoltà nell’addormentarsi oppure nel mantenere lo stato di sonno.

2) Irritabilità o scoppi di collera.

3) Difficoltà di concentrazione.

4) Ipervigilanza.

5) esagerate risposte di allarme.

E- La durata del disturbo (sintomi in B, C e D) è superiore ai 30 giorni.

F – Il disturbo provoca un disagio clinicamente significativo o menomazione nel funzionamento sociale, in quello lavorativo o di altre aree importanti.

Solo con il contattozero inizierai la tua riprogrammazione:  le vittime sono de-programmate hanno pensieri propri, tutto gira intorno a lui nel bene e nel male. Non lo convincerai ad ammettere il male che ti ha fatto e se lo ammettesse sarebbe solo per riportarti in trappola e ferirti ancora.

Il Dott. Marietan, psichiatra argentino esperto in psicopatia e nel recupero delle vittime – complementari dello psicopatico, dichiara “Per uno psicopatico che cosa sono complementari? Sono oggetti che gli appartengono al di là di qualsiasi norma sociale o  giuridica. Come convincere la paziente che desidera parlare con lui? In primo luogo abbiamo bisogno di aumentare l’io mortificato di questa persona. Perché lo psicopatico mina l’autostima dell’altro, e,quindi, l’altro crede che grazie allo psicopatico sia qualcuno, perché se non è accanto a lui si sente spazzatura. La prima cosa da fare è elevare l’autostima, rafforzare la persona complementare e in secondo luogo spiegare quale sia la personalità del suo partner. Sono situazioni particolari e straordinarie,fuori dal comune e forse le regole standard di come implementare tecniche psichiatriche sono inutili o servono poco.Una volta che si è rafforzata l’autostima e spiegato cosa sia uno psicopatico, allora sì, una volta che si è raggiunto questo obiettivo,  si dovrebbe cercare qualcuno nell’ambiente familiare della complementare che la possa aiutare, qualcuno che sia una persona significativa per lei e che si renda disponibile affinchè, qualora la complementare tenterà di contattare lo psicopatico o viceversa, questa terza persona fidata la sosterrà e fermerà. Una volta che abbiamo ottenuto una maggiore autostima, dato informazioni, risolti i problemi materiali o pratici, solo allora può implementare il salto, imponendo la distanza con il psicopatico. Questo dovrebbe essere fatto, secondo la mia esperienza, con durezza totale e assoluta. È necessario con la paziente essere estremamente duro, senza nessuna concessione, perché lo psicopatico non ha intenzione di averne con lei. Il tipo di contatto che si deve avere con lo psicopatico da quel punto in avanti è pari a zero. Guardate la durezza e la posizione estrema con cui  sto parlando. Perché? Proprio perché “B” se contatta “C”, il circuito viene riattivato e tutto ricomincia”.

TABELLA DI RIPROGRAMMAZIONE PSICHICA DELLA EX VITTIMA DELLO PSICOPATICO

Questa tabella rappresenta un sistema di uscita dal labirinto mentale e materiale generato dalla relazione disfunzionale con un narcisista perverso o con uno psicopatico ad opera di una ex vittima che da quel labirinto e’ uscita senza aver perduto la propria capacità di vivere, amare, gioire e credere in se stessa.

La tabella si riferisce ad una fase successiva la presa di consapevolezza del disturbo del partner abusante e, comunque, presuppone che il rapporto sia chiuso e che possa essere attuato il contatto zero.In caso si debbano avere necessariamente interazioni con il manipolatore, si consiglia di applicare, oltre alle indicazioni sotto elencate, anche le strategie di contromanipolazione ( v. articolo su questo blog “lo psicopatico:come contromanipolare”).

Il percorso di uscita ha una durata soggettiva ed è reso più o meno breve da una serie di fattori personali ,tuttavia , può essere misurato in linea di massima in 12-18 mesi almeno.

Il percorso si presenta molto complicato e doloroso soprattutto i primi tre mesi .

La tabella si compone di regole che devono essere adottate sempre. La mancata o parziale osservanza di una regola compromette la uscita dalla relazione e dalla dipendenza dal proprio aguzzino o ne aumenta la durata.

REGOLA N. 1

Questo percorso di liberazione deve essere vissuto come una battaglia con una parte di se stessi,

NON SEGUIRE E NON FARE CIO’ CHE TI SUGGERISCE LA PARTE MALATA DI TE STESSA

Dopo la relazione, a causa della distruzione dell’identità e della autostima c’è una parte di te che e’ rimasta asservita al narcisista perverso o psicopatico. La parte di se stessi resa dipendente e fragile si opporrà alla accettazione della fine definitiva della storia. Bisogna pertanto avere coscienza che in te avrai  una “te” da sostenere, da proteggere e da non seguire mai, giacchè, essendosi ammalata, tende a riportarti di nuovo dinanzi al soggetto abusante o a mantenere un intimo colloquio “muto” con lui, attraverso messaggi in codice o subliminali sui social , ad esempio.

REGOLA N. 2

Il contatto zero non deve essere mai interrotto. Il contatto zero include non guardare wa, facebook ed  alcun profilo o sito in cui ci sia lui o persone vicine a lui. Il contatto zero significa non poter frequentare luoghi o persone frequentate da lui. Il contattozero comprende il non rileggere vecchi sms, mail, lettere o guardare foto sue o tue scattate nel periodo della relazione.

Il contatto zero serve non solo per sottrarti al pericolo ed alla relazione ma soprattutto ad evitare la manipolazione che il soggetto abusante determina sia con le parole sia attraverso la comunicazione “muta” cioè attraverso messaggi tesi a fingere un interesse o a ferirti, mostrandosi felice con la nuova vittima, circostanza che porta dolore ansia rabbia e desiderio di riallacciare il rapporto per non vedersi sostituite.

Il contatto zero durerà per tutta la vita.

Il narcisista perverso o psicopatico e’ in grado di riattivare il circuito perverso con te anche a distanza di anni .

REGOLA N. 3

SAPPI CIO’ CHE TI ATTENDE

Bisogna essere consapevoli ed accettare il dolore e il senso di ansia. Sappi che non esiste un modo per non soffrire. Sappi che tutto questo ha un inizio ed ha una fine. Ricorda che per i sintomi sotto elencati non si muore ma, al contrario, in una relazione con un narcisista perverso o psicopatico SI MUORE emotivamente e spesso fisicamente.

Si deve avere coscienza che, soprattutto i primi tre mesi, soffrirai di

-attacchi di ansia

– angoscia

incapacità di concentrazione sul lavoro, disinteresse per attività quotidiane, incapacità di ascolto dei familiari

-insonnia,incubi

-pensieri ossesivi dell’abusante

-paura

-senso di solitudine e disperazione

-disturbi alimentari

-rabbia alternata a tristezza

senso di blocco

-dolore acuto

-pianto o blocco del pianto

-malesseri o disturbi fisici derivanti dalla somatizzazione del trauma.

Questi sintomi sono causati dalla astinenza provocata dall’assenza del soggetto nella nostra vita e dal trauma da stress .

Durante le prime settimane sono molto invasivi e mineranno la capacita di vivere e relazionarsi in modo normale.

REGOLA N. 4

Resisti ai sintomi. Non spaventarti e non dubitare di te stessa: ce la farai.

I sintomi indicati nella regola tre sono così intensi e dolorosi da indurre la vittima a credere che non può superarli o che non finiranno mai.

I SINTOMI hanno un andamento fisso e durano invece da pochi minuti a poche ore , come le doglie da parto.

I SINTOMI iniziano piano e crescono di intensità in pochi minuti ed hanno un picco quasi insostenibile. Raggiunto il picco, l’intensità scende entro breve termine sino a scomparire.

I SINTOMI si susseguono in fase : insorgenza-crescita-picco-discesa-scomparsa e danno un lasso di tempo di tregua di qualche minuto o ora o giorni.

REGOLA N. 5

Trova un hobby, un interesse che avevi abbandonato o cercatene uno o più di uno nuovo.

REGOLA N. 6

ricontatta le persone sane e positive cui vuoi bene o con cui stai bene e che hai trascurato durante la relazione. Movimenta la tua vita sociale, anche facendo piccole cose ( visite al museo, passeggiate, cinema, cene tra amici) almeno una-due volte alla settimana. Fallo anche se non ti va molto, fallo anche se sei triste o disperata.

REGOLA N. 7

Limita, ma senza forzare, il pensiero invasivo di lui. La mente non può avere due pensieri contemporaneamente ed il pensiero di lui sarà all’inizio un pensiero fisso. Ciò stanca, strema. Pertanto, senza arrabbiarti o spazientirti, ogni volta in cui arriverà il pensiero intrusivo, lo accetterai per pochi minuti e poi distoglierai la mente con pensieri precedentemente scelti da te, i pensieri-aiuto:essi sono pensieri positivi,anche frivoli (ad es. se avessi la bacchetta magica vorrei essere alta o mora…ecc. ed iniziate a fantasticare) o pensieri-aiuto su un periodo o episodio divertente della vostra vita. Ovviamente i pensieri-aiuto non devono riguardare il periodo della relazione.

REGOLA N. 8

Per i primi due o tre mesi conta i giorni. Puoi anche tenere un diario su cui annotare l’inizio del percorso e le giornate. Ogni giorno, bello o brutto, vissuto in no contact è un grandissimo successo: BRAVA.

REGOLA N. 9

NON Ti GIUDICARE. Avrai  la tendenza a giudicarti stupida, incapace, fallimentare, non amabile ed attraente. Avrai la tendenza a pensare ” in fondo aveva ragione a dirmi ” sei grassa o sciocca o pazza o puttana; ecco perché non mi amava, ora ama un’altra migliore di me “.

Queste emozioni sono frutto della violenza subita e della manipolazione nella fase di svalutazione e scarto attuata dal perverso proprio allo scopo di dominarti ed impedirti di scappare.

Pertanto, ogni forma di giudizio ed esame della tua condotta fino a oggi deve essere rinviata di alcuni mesi, non appena avrai recuperato la serenità e lucidità di capire e di darti le giuste responsabilità.

REGOLA N. 10

NON CERCARE ORA TUTTE LE RISPOSTE

Alcune  risposte non le avrai mai, ma molte si, le avrai in seguito. Arrovellarsi il cervello per trovare risposte è deleterio in questa fase. Sei troppo vicina alla relazione, troppo destabilizzata, troppo immersa nella nebbia. Recupera le forze, tutto apparirà chiaro e decodificherai ogni vissuto ed ogni gesto, tuo e dell’aguzzino.

REGOLA N. 11

SEGUI SEMPRE IL TUO ISTINTO

La parte sana di TE ed il tuo corpo ti parla, da ora in poi ascoltalo sempre.

REGOLA N. 12

Se riesci a vivere altre storie, importanti o frivole, bada a chi sia il nuovo lui. Se l’istinto ti dice che è sano, continua anche se il soggetto non ti fa battere il cuore o non ti dà l’adrenalina (malata) che dava lo psicopatico.

Le persone sane danno serenità e non botte adrenaliniche. A te serve poter essere sereni, passare ore piacevoli in cui ti senti bene.

REGOLA N. 13

NON TI SCORAGGIARE SE TUTTO ORA CADE A PEZZI.

I danni creati dal perverso sono enormi, sia emotivamente e psicologicamente, sia a livello professionale, familiare e sociale.

Sentirsi in colpa per non aver avuto la forza di evitare tutto il massacro è inutile. Ora sei “malata”, sei stata abusata e nessun abusato sottoposto ad un massacro riesce a fare le cose per bene. Ora stai curando la malattia. Concediti  tempo per guarire  (in fondo ne hai dato così tanto a lui da poterne dare anche a te stessa ) e poi riparerai tutto .

REGOLA N. 14

LA RABBIA. Prima o poi esploderà. E’ necessaria e durerà mesi. Non scrivergli e non chiamarlo. Se già lo hai fatto, ripetiti a mente cio’ che gli hai detto. Se non lo hai fatto, urlatelo da sola, scrivilo e metti la lettera nel cassetto, corri , sfoga la rabbia e poi superala.

pensa a te, al narcisista penserà la vita”

REGOLA N.15

LUI SARA’ COSI PER SEMPRE E CON CHIUNQUE

Se vieni assalita dalla gelosia rifletti su cio’ che ti ha fatto. Pensi davvero che  possa fare diversamente nel medio tempo? No, lui può solo peggiorare

REGOLA N. 16

NON DITE A LUI O A PERSONE  A LUI VICINE QUALE DISTURBO ABBIA: NON DITE DI AVERE SCOPERTO CHE E’ UNO PSICOPATICO.

Non solo non ti crederebbero ma penserebbero che sei pazza e rischi una denuncia. Solo tu lo sai cosa lui sia e questo basta.

REGOLA N. 17

NON SARAI CREDUTA DA AMICI. EBBENE :FREGATENE.

Molti non ti crederanno  e penseranno che sei immatura perchè non riesci a superare la fine di una storia. Non crederanno al trauma, all’abuso, a nulla. Fregatene. Tu lo sai, il tuo gruppo di auto aiuto ti crede,il terapeuta ti crede e se non ti crede cambialo.

REGOLA N. 18

TERAPIA .

Se puoi, vai in terapia da un esperto in psicopatia e dipendenza affettiva.

Stai combattendo una battaglia durissima. Stai combattendo per la tua incolumità. Stai combattendo per difenderti.

Se non risucirai a rispettare queste regole, non ti giudicare e ricomincia. Abbi affetto e dolcezza per te stessa, prenditi cura di te come ti sei  presa cura di lui. Datti tenerezza, regali, incentivi, comprensione e perdono.

Stai per uscire dal labirinto, impiegherai mesi, ma non importa. Starai sempre meglio.

All’uscita dal labirinto, ti aspetta una nuova fase del percorso, verso casa.

Coraggio pazienza, determinazione, lucidità.

Hai amato un mostro, seppellisci la persona che non esiste se non dentro di te, piangi e vai  avanti.

Ce la farai. 

Molte vittime  ce l’hanno fatta e non sono migliori di te.

Il tempo è un padre amorevole,  il contatto zero sarà tuo complice e tuo  fidato amante, pian piano tutto maturerà in te e nascerà un frutto: lo tradurrai  in pensiero :

“e’ finita, per me è finita”.
Ed un senso di pace che avevi dimenticato ti riempie mentre percepisci che sulla bocca  dopo tanto soffrire  sboccia un sorriso .
Click .
FINE.

 

Tutti i diritti sono riservati. E’ vietata qualsiasi riproduzione, utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente blog, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, diffusione e distribuzione dei contenuti stessi mediante qualsiasi piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte dell’autore Avv. Marina Marconato. I CONTENUTI DEL BLOG E DI OGNI ARTICOLO POSSONO ESSSERE CONDIVISI SOLO ED ESCLUSIVAMENTE CITANDONE L’AUTRICE E LINKANDO LA FONTE.

 

Addio finale al narcisista perverso

Eppure sei morto senza fare rumore.
Lo sai ? Avrei voluto invecchiare con te.
Avrei voluto salutarti guardandoti negli occhi.
Immaginavo le nostre mani intrecciate e le dita impazzite nello stringersi per l’ultima volta . Avrei voluto annegare il mio sguardo nel tuo ed accarezzare i confini del tuo volto e scoprire che il tuo volto non ha confini.

image

Eppure sei morto senza fare rumore”   M.M.

Eppure sei morto senza fare rumore.
Lo sai ? Avrei voluto invecchiare con te.
Avrei voluto salutarti guardandoti negli occhi.
Immaginavo le nostre mani intrecciate e le dita impazzite nello stringersi per l’ultima volta. Avrei voluto annegare il mio sguardo nel tuo ed accarezzare i confini del tuo volto e scoprire che il tuo volto non ha confini.
Che piega avrà il tuo sorriso fra vent’anni ? Non lo saprò mai e tu non sentirai più il suono della mia voce .
Avevo immaginato che tutto questo sarebbe stato dilaniante anche per te.
Ma poi, ho dovuto arrendermi alla verità.
Tu non sei chi mi avevi fatto credere di essere, tu non hai un volto buono ne’ un cuore buono, tu non soffri se non per te stesso e per un tempo che vale un battito di ciglia.
A ben vedere, sei invece colui che ha sistematicamente infilato la lama proprio nel punto più sottile della mia anima. Ricordi ? Te lo avevo spiegato, poi gridato ed infine ti avevo supplicato :”non in quel punto, se devi colpire, colpisci un po’ più giù o un po’ più su, ma non sfiorare quel punto”.
Eri talmente bravo a scusarti ed a promettere che mai più avresti squarciato le fessure delle mie fragilità, che io ti ho creduto una, due, tre, mille e mille volte. Ma tu squarciavi e promettevi, promettevi e squarciavi sempre di più.
Ti volevo proteggere da qualcosa che ti rendeva nero, ti volevo insegnare ad amare.
Ed invece, tu mi distruggevi e tutto sommato era questo che ti dava forza.
Io mi ero fidata di te, mi ero fidata di te.
Io mi ero fidata quando sembrava avessi trovato in me la ricchezza ed il ristoro, la passione ed il tuo futuro.
Io mi ero fidata di te quando riempivi la mia testa di parole grandi pronunciate con una voce che tremava e gli occhi umidi.
Io mi ero fidata di te quando mi facevi credere che non potessi perdermi.
Io mi ero fidata di te anche quando nascondevi nel tuo abbraccio un coltello invisibile ed accoltellavi la mia schiena nuda , mi fidavo di te che rimanevi avvinghiato a me e mi fissavi, godendoti la scena dei miei occhi spalancati sulla tua pugnalata traditrice e mi osservavi vittorioso mentre ti scivolavo tra le braccia piegata dal dolore dello squarcio.
Mi sono fidata di te mentre quindi cadevo in ginocchio sulla mia nudità ed il tuo silenzio di fuggitivo crudele mi regalava l’ultimo atto della tua opera teatrale.
Adesso so che sei soltanto molto disturbato, quelli come te li chiamano psicopatici. Adesso lo so che sei maligno e perverso e che la tua vita e’ un castello di carta, e ‘ un insieme di violenza distruzione fallimenti e morte.
So che tutto ti attraversa senza lasciare traccia, non hai lacrime vere, non conosci il dolore, non hai ricordi, non hai sogni, non conosci la gioia, non comprendi l’amore.
Sei un bravo mimo, ma questo non basta per renderti un essere umano. E di sicuro non e’ sufficiente perché tu abbia il privilegio di avermi accanto.
Per questa ragione, salutarti, guardandoti, non ha più importanza: non c’è nulla da vedere nei tuoi occhi .
Nulla e’ autentico in te, sei come una immagine proiettata sulla tela : se sono distante e ti guardo, sembri vero ma se mi avvicino, se cerco la tua mano, io non ti afferro, tu svanisci, dissolto in mille frammenti, come fotoni multicolori privi di sostanza, di carne, di sangue e di calore.
Non ho più bisogno di dirti queste cose e neppure di dimostrati la mia indifferenza.
Io sono viva, io sono vera e tu non sei riuscito a mutilare le mie ali.
Alzo gli occhi al cielo e sorrido, sei così insignificante ormai.
Alla fine sei morto, senza fare rumore.

 

 

Tutti i diritti sono riservati. E’ vietata qualsiasi riproduzione, utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente blog, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, diffusione e distribuzione dei contenuti stessi mediante qualsiasi piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte dell’autore Avv. Marina Marconato. I CONTENUTI DEL BLOG E DI OGNI ARTICOLO POSSONO ESSSERE CONDIVISI SOLO ED ESCLUSIVAMENTE CITANDONE L’AUTRICE E LINKANDO LA FONTE.

 

 

Lo psicopatico e il narcisista maligno-misure di protezione legale in famiglia

Lo psicopatico, il narcisista maligno o patologico, in generale il soggetto disturbato, violento e distruttivo, per l’innata esigenza di dominare e distruggere anche le persone di famiglia o con le quali hanno avuto dei figli,commette assai frequentemente reati ed illeciti dai quali

bambola spenta1893587__340

Il cuore sanguinante rende invincibili.

Stia attento il carnefice

perché troverà la sua vittima ad attenderlo

M.M.

Lo psicopatico, il narcisista maligno o patologico, in generale il soggetto disturbato, violento e distruttivo, per l’innata esigenza di dominare e  distruggere anche le persone di famiglia o con le quali hanno avuto dei figli,commette assai frequentemente reati ed illeciti dai quali ci si vede costretti a difendere se stessi e, qualora vi fossero, i propri figli.

Quante possibilità hai dato al soggetto che hai accanto? Quante volte le tue speranze sono state tradite e la violenza psicologica è, anzi , aumentata? Se sei stata ripetutamente tradita, lasciata pressoché  sola in gravidanza, se le svalutazioni ed i silenzi hanno costituito gran parte della relazione, se si è sottratto ad ogni responsabilità verso la sofferenza che ti procurava, verso gli impegni assunti, qualora tu rimanga a disposizione per i figli, stai sbagliando. Cosa, infatti, ti fa credere che saprà assumersi la più grande delle responsabilità nella vita di un essere umano, cioè quella di essere genitore? Se lo psicopatico o narcisista maligno ha abusato di te, abuserà, almeno psicologicamente, anche dei tuoi figli, che vanno protetti. Lo psicopatico ed il narcisista maligno hanno rapporti fondati solo sul possesso ed il controllo, la manipolazione e la rabbia, il ricatto ( “se non fai ciò che dico ti abbandono e smetto di “amarti”) e stai pur certa che queste modalità verranno poste in essere anche verso i figli.

Di recente configurazione, il concetto di mobbing, utilizzato nel diritto del lavoro, e’ stato trasposto all’ambito familiare. Per mobbing familiare si deve intendere la concomitanza di una serie di comportamenti (alcuni dei quali potrebbero avere autonoma rilevanza penale) che vengono ripetuti costantemente in danno del partner. Tali comportamenti si concretizzano una serie di vere e proprie vessazioni, soprattutto di tipo psicologico, che portano il soggetto destinatario a subire una svalutazione della propria personalità, ad annullare la propria autostima al punto di venirsi a trovare in una posizione di totale sottomissione davanti al mobber (il partner che pone in essere tali comportamenti). Così, ad esempio, dai semplici apprezzamenti negativi sulle capacità di gestione del menage familiare, si passa alla costante denigrazione dell’aspetto fisico, delle capacità del coniuge, alla sistematica demolizione dell’integrità della personalità mediante l’insulto, il rifiuto di ogni apprezzamento e via dicendo. Oltre la descrizione delle condotte, per definire la sussistenza di una ipotesi di mobbing familiare o mobbing coniugale, è necessario che tali condotte si ripetano nel tempo e che l’effetto psicologico vada oltre quello che, ad esempio, può essere attribuito ad un semplice litigio.

Quale è’ il disegno del mobber? La distruzione del partner,qual’è il disegno dello psicopatico e del narcisista maligno?La stessa, ossia la distruzione del partner.

Quello che caratterizza infatti il mobbing familiare (o mobbing coniugale) é un vero e proprio disegno posto in essere al fine di operare una vera e propria distruzione della personalità del partner che (quasi in preda alla c.d. Sindrome di Stoccolma) cade in uno stato di depressione indotta dal mobber (dai suoi comportamenti), nella quale la perdita completa dell’autostima e l’annullamento della personalità sono, spesso, lo strumento per indurre l’allontanamento della vittima. In pratica, ciò corrisponde alla fase della svalutazione che compone il ciclo delle relazioni malate di psicopatici e narcisisti patologici. Raramente tali condotte assumono la configurazione di maltrattamenti fisici ma ciò non è da escludere, considerata la scarsa tendenza a portare all’attenzione dell’autorità tali episodi: la vittima cade in uno stato paragonabile a quello delle vittime di violenza, spesso restie per paura o vergogna (che in questo caso sono direttamente indotte dalle azioni del mobber- disturbato) a denunciare quanto subito.

Può essere utile riferimento la sentenza del T.A.R. Campania (Napoli Sez. II n. 2036 del 20 aprile 2009) – nella prospettiva di mutuare elementi dal diritto del lavoro – che afferma come: “il mobbing presuppone dunque i seguenti elementi: a) la pluralità dei comportamenti e delle azioni a carattere persecutorio (illecite o anche lecite, se isolatamente considerate), sistematicamente e durevolmente dirette contro il dipendente; b) l’evento dannoso; c) il nesso di causalità tra la condotta e il danno; d) la prova dell’elemento soggettivo”. Mentre, sotto il profilo della sussistenza dell’ipotesi di mobbing familiare o mobbing coniugale , nell’ambito di un giudizio relativo alla separazione dei coniugi (in questo caso ai fini dell’addebitabilità), la Corte di Appello di Torino (nel 2000) venne, per la prima volta, a configurare la fattispecie indicando la rilevanza di un “comportamento, in pubblico, del coniuge offensivo ed ingiurioso nei confronti dell’altro coniuge, sia in violazione delle regole di riservatezza, e sia, soprattutto, in riferimento ai doveri di fedeltà, correttezza e rispetto derivanti dal matrimonio, condotta ancor più grave se accompagnata dalle insistenti pressioni (“mobbing”) con cui il coniuge stesso invita reiteratamente l’altro ad andarsene di casa”. La figura del mobbing familiare ha trovato spazio in una sentenza della Corte d’Appello di Torino del 21 febbraio 2000 con la quale i giudici di secondo grado hanno sdoganato il fenomeno dall’ambito del diritto del lavoro perchè trovasse ingresso nel diritto di famiglia.. Ancora, più recentemente, il Tribunale di Napoli (27 settembre 2007) ha affermato come: “la continua denigrazione di un coniuge da parte dell’altro, integrando il c.d. “mobbing”, può comportare l’addebito della separazione al coniuge responsabile di tali abusi” . L’art. 143 c.c., infatti, enuncia in maniera lapidaria, la parità degli coniugi, rafforzando il dettato costituzionale in tema. Il mancato rispetto degli obblighi di cui all’143 c.c. (coabitazione, collaborazione all’indirizzo familiare, fedeltà e assistenza morale e materiale) può infatti, determinare il ricorso per separazione e giustificare l’addebito al coniuge inadempiente. In particolare, si può individuare nel mobbing quel fenomeno che porta l’un coniuge ad attuare comportamenti o molestie psico – fisiche che comportano la perdita di autostima da parte dell’altro, fino a distruggerne la personalità. A proposito del mobbing familiare, però, è preliminarmente necessario fare una distinzione:

Il mobbing coniugale, consiste in un attacco, continuo e intenzionale, nei confronti del proprio coniuge per metterne in discussione il proprio ruolo, estrometterlo dalle decisioni o per indurlo a decisioni cui invece è contrario.

Segnali tipici sono:

esternazione reiterata di giudizi offensivi e atteggiamenti irriguardosi nei confronti del proprio coniuge;

atteggiamenti di disistima e di critica aperti e teatrali

rifiuto di collaborare alla realizzazione dell’indirizzo familiare concordato;

tentativi di sminuire il ruolo in famiglia;

pressioni per lasciare la casa coniugale;

continue imposizioni della propria volontà in relazione a scelte che si rendano necessarie nel corso della convivenza coniugale;

azioni volte a sottrarre beni comuni alla coppia;

mancato supporto alla vittima nel rapporto con gli altri familiari;

coinvolgimento continuo di terzi nelle liti familiari.

Il mobbing familiare, che può essere attuato all’interno della coppia genitoriale in seguito alla separazione o al divorzio.

Segnali possono essere costituiti da:

sabotaggi delle frequentazioni con il figlio;

emarginazione dai processi decisionali tipici dei genitori;

minacce;

campagne di denigrazione e delegittimazione familiare e sociale;

sminuire il ruolo genitoriale agli occhi del figlio.

I comportamenti dello S. (il marito) erano irriguardosi e di non riconoscimento della partner: lo S. additava ai parenti ed amici la moglie come persona rifiutata e non riconosciuta, sia come compagna che sul piano della gradevolezza estetica, esternando anche valutazioni negative sulle modeste condizioni economiche della sua famiglia d’origine, offendendola non solo in privato ma anche davanti agli amici, affermando pubblicamente che avrebbe voluto una donna diversa e assumendo nei suoi confronti atteggiamenti sprezzanti ed espulsivi, con i quali la invitava ripetutamente ed espressamente ad andarsene di casa” e che “ il marito curò sempre e solo il rapporto di avere, trascurando quello dell’essere e con comportamenti ingiuriosi, protrattisi e pubblicamente esternati per tutta la durata del rapporto coniugale ferì la T. (moglie) nell’autostima, nell’identità personale e nel significato che lei aveva della propria vita” ; si legge ancora nella sentenza che “al rifiuto, da parte del marito, di ogni cooperazione, accompagnato dalla esternazione reiterata di giudizi offensivi, ingiustamente denigratori e svalutanti nell’ambito del nucleo parentale ed amicale, nonché delle insistenti pressioni – fenomeno ormai internazionalmente noto come mobbing – con cui lo S. invitava reiteratamente la moglie ad andarsene”; ritenuto che tali condotte sono “violatori del principio di uguaglianza morale e giuridica dei coniugi posto in generale dall’art. 3 Cost. che trova, nell’art. 29 Cost. la sua conferma e specificazione”; conclude nel senso che al marito” deve essere ascritta la responsabilità esclusiva della separazione, in considerazione del suo comportamento contrario ai doveri (diversi da quelli di ordine patrimoniale) che derivano dal matrimonio, in particolare modo al dovere di correttezza e di fedeltà ”. (App. Torino, 21 febbraio 2000).

Circoscrivere l’ambito del mobbing familiare a motivo di addebitabilità della separazione può, però, essere un modo troppo semplicistico di considerare il fenomeno, nasce quindi la necessità di scegliere fra strumenti che il diritto fornisce, fra quelli che meglio si attagliano alla necessità di tutela del mobbizzato. In particolare, troverà applicazione alla fattispecie sicuramente il risarcimento del danno ex art. 2043. la tutela aquiliana è quella che meglio si adatta alla tutela della fattispecie in esame, in quanto i comportamenti mobbizzanti posti in essere dal coniuge, non rientrano fra quelli previsti dagli artt. 143 e 145 c.c., ma sono “ingiusti” in quanto l’illiceità della condotta del partner lede la personalità, l’autostima del coniuge.

Qualora l’illecito rientri nella fattispecie di reato di cui all’art. 570 c.p. (violazione degli obblighi di assistenza familiare) o art 572 c.p. (delitto di maltrattamenti in famiglia), la risposta sanzionatoria penale sarà fornita anche dai nuovi strumenti di tutela previsti dal legislatore con la l. n. 54/2001 in tema di tutela contro i soprusi nell’ambito della famiglia.

Spesso e volentieri in passato, si è fatto rientrare il fenomeno del mobbing familiare nell’ambito della categoria del danno esistenziale, la cui autonomia oggi è stata ampiamente sconfessata dalla giurisprudenza. Per quanto, comunque, le due figure non coincidano perfettamente, soprattutto se si intende tenere presente il fenomeno del mobbing classicamente inteso, è possibile che i comportamenti attuati dal mobber possano così essere sanzionati con lo strumento del risarcimento ex art. 2043 c.c. Il procedimento penale a carico del genitore per condotta violenta nei confronti del figlio e della moglie, anche se ancora pendente, costituisce indizio per escludere l’affidamento .

Indipendentemente dall’esito del giudizio penale pendente, il Tribunale ha ritenuto di disporre un affidamento esclusivo alla madre, adottando un atteggiamento prudenziale. La decisione è giustificata anche dalla presenza di un profondo rancore che caratterizza il rapporto di coppia, non di mera conflittualità, normale nella fase separativa. L’uomo aveva dedotto che la separazione, con suo conseguente tracollo psicologico, era stata causata dalla moglie di cui aveva scoperto l’infedeltà coniugale.

Si ritiene, in ogni caso, che la semplice conflittualità non sia di per se ostativa all’affido condiviso ma lo diventa quando il figlio sia perennemente spettatore di conflitti estenuanti tra i genitori e a causa di ciò sia esposto a rischio di sofferenza psichica grave o a problematiche comportamentali. Inoltre è rilevante l’inidoneità alla condivisione dell’esercizio della responsabilità genitoriale quando conduce ad un pregiudizio per il minore (Cass. Civ. n. 16593/2008, n. 21591/2012 e n. 12976/2012).

In sostanza, si preferisce l’affidamento esclusivo quando l’affidamento condiviso sia contrario all’interesse del minore.

Si riportano,infine, le norme più significative in materia di abuso familiare .

– Art. 572. Maltrattamenti contro familiari e conviventi.
Chiunque… omissis …maltratta una persona della famiglia o comunque convivente, o una persona sottoposta alla sua autorità o a lui affidata per ragioni di educazione, istruzione, cura, vigilanza o custodia, o per l’esercizio di una professione o di un’arte, è punito con la reclusione da due a sei anni [c.p. 29, 31, 32].
Se dal fatto deriva una lesione personale grave [c.p. 583], si applica la reclusione da quattro a nove anni; se ne deriva una lesione gravissima, la reclusione da sette a quindici anni; se ne deriva la morte, la reclusione da dodici a ventiquattro anni.

 Gli ordini di protezione contro gli abusi familiari sono quei provvedimenti che il giudice, su istanza di parte, adotta con decreto per ordinare la cessazione della condotta del coniuge o di altro convivente che sia “causa di grave pregiudizio all’integrità fisica o morale ovvero alla libertà dell’altro coniuge o convivente” (art.342 bis c.c.).

Alla base dei provvedimenti ex art. 342 ter, c.c. vi sono due distinte circostanze:

· la convivenza;

· una condotta gravemente pregiudizievole all’integrità fisica.

La “convivenza”. L’applicazione delle misure di protezione presuppone che la vittima ed il soggetto cui viene addebitato il comportamento violento vivano all’interno della medesima casa, in quanto l’art. 5 della L. 154/2001 fa esclusivo riferimento al nucleo costituito dai familiari conviventi (. Tribunale di Rieti, sentenza 6/03/2006 ; Tribunale di Napoli, sentenza 1/02/2002; Tribunale di Napoli, sentenza 18/12/2002, ) Tale considerazione muove dal fatto che gli ordini di protezione non hanno soltanto la funzione di interrompere situazioni di convivenza turbata, ma soprattutto quella di impedire il protrarsi di comportamenti violenti in ambito domestico

Il requisito della convivenza (inteso come “perdurante coabitazione”( Tribunale di Bologna, Sez. I, sentenza 22/03/2005), sussiste anche quando vi sia stato l’allontanamento, provocato dal timore di subire violenza fisica del congiunto, mantenendo nell’abitazione familiare il centro degli interessi materiali ed affettivi ( Tribunale di Padova, decreto 31/05/2006).

La “condotta gravemente pregiudizievole all’integrità fisica”. Il presupposto per la concessione dell’ordine di protezione non è rappresentato, in sé, dalla condotta del convivente nei cui confronti si richiedono le misure di protezione, bensì dall’esistenza di un pregiudizio grave all’integrità fisica, “morale” o alla “libertà personale” (come violente aggressioni verbali e minacce di arrecare mali ingiusti: così Tribunale di Bari, sentenza 7/12/2001, op. cit.. Si vedano anche Tribunale di Genova, decreto 7/01/2003, in Famiglia e Diritto, 2004, 387; Tribunale di Desio, sentenza 29/10/2003, op. cit.) patito dal familiare convivente, imputabile (questo sì) in termini causali alla condotta dell’altro (Cfr., tra le altre, Tribunale di Bari, sentenza 28/07/2004, op. cit.; Tribunale di Barletta, decreto 1/04/2008, op. cit.; Tribunale di Reggio Emilia, decreto 10/05/2007, op. cit.; Tribunale di Bologna, decreto 25/05/2007, in Fam. Pers. Succ., 2007, 10, 841; Tribunale di Terni, sentenza 26/09/2003, op. cit.).

Ordine di protezione e violazione dei doveri coniugali

Il decreto protettivo ex art. 342 terc.c. Allo stesso modo, una misura protettiva non può essere concessa in presenza di una mera situazione di reciproca incomunicabilità ed intolleranza tra soggetti conviventi, di cui ciascuna delle parti imputa all’altra la responsabilità, almeno quando i litigi, ancorché aspri nei toni, non siano stati aggravati da violenze fisiche o minacce o non si siano tradotti in violazione della dignità dell’individuo di particolare entità (Cfr. Tribunale di Bari, sentenza 28/07/2004, op. cit.).

Gli ordini di protezione richiedono l’istanza della vittima, che può essere proposta anche dalla parte personalmente, con ricorso al tribunale del luogo di propria residenza o domicilio, che provvede in camera di consiglio in composizione monocratica.

Con il decreto di cui all’articolo 342 bis c.c., il giudice ordina al convivente reo della condotta pregiudizievole, la cessazione della condotta e ne dispone l’allontanamento dalla casa familiare (Cfr. Tribunale di Catania, Sez. I, sentenza 22/05/2004, in Giur. Aetnea, 2005, 1, 4).

Quali provvedimenti accessori, (Cfr. Tribunale di Firenze, sentenza 15/07/2002, op. cit.; Tribunale di Bari, sentenza 29/05/2003, op. cit.) il Giudice, ove occorra, può:

– prescrivere all’autore della condotta di non avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dalla vittima (in particolare il luogo di lavoro, il domicilio della famiglia d’origine, di altri prossimi congiunti o altre persone ed in prossimità dei luoghi di istruzione dei figli della coppia, salvo che questi non debba frequentarli per esigenze di lavoro);

– chiedere l’intervento dei servizi sociali, di un centro di mediazione familiare o di associazioni per il sostegno e l’accoglienza di donne, minori o di vittime di abusi e maltrattamenti;

– disporre il pagamento periodico di un assegno a favore delle persone conviventi che, per effetto dell’allontanamento dalla casa familiare del reo, rimangono prive di mezzi adeguati, fissando modalità e termini di versamento e stabilendo, se necessario, il versamento della somma all’avente diritto da parte del datore di lavoro dell’obbligato, detraendola dalla retribuzione allo stesso spettante.

Il decreto stabilisce anche la durata dell’ordine di protezione, che decorre dal giorno dell’avvenuta esecuzione dello stesso, e che non può essere superiore a un anno e può essere prorogata, su istanza di parte, soltanto se ricorrano gravi motivi per il tempo strettamente necessario

Lo psicopatico, il narcisista patologico,tuttavia, vogliono controllare e dirigere lo scarto della vittima e qualora ella si ribelli al carnefice abusante, spesso, è faatta oggetto di atti persecutori. Lo stalking tuttavia è un reato grave, punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni e si attua ogni volta che, a norma dell’art. 612 bis c.p. “chiunque, con condotte reiterate, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o di paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l’incolumita’ propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita”
La pena è aumentata se il fatto è commesso dal coniuge, anche separato o divorziato, o da persona che è o è stata legata da relazione affettiva alla persona offesa ovvero se il fatto è commesso attraverso strumenti informatici o telematici o se il fatto è commesso a danno di un minore, di una donna in stato di gravidanza. o di una persona con disabilità.
Il delitto è punito a querela della persona offesa. Il termine per la proposizione della querela è di sei mesi. La remissione della querela può essere soltanto processuale. La querela è comunque irrevocabile se il fatto è stato commesso mediante minacce reiterate nei modi di cui all’articolo 612, secondo comma.

Il copione è spesso il medesimo: lo stalker (spesso un ex-fidanzato o marito), comincia a perseguitare quello che per lui è un oggetto ossessivo di desiderio, insinuandosi (con telefonate, sms o altri mezzi) ripetutamente nella vita privata della vittima. A volte, si realizza una vera e propria escalation persecutoria (partendo da episodi piuttosto innocui per giungere a episodi pericolosi per la vittima) che fa sfociare lo stalking in atti di violenza e, addirittura, se pur non frequentemente, in brutali omicidi .Tale assunto è confermato anche dalla giurisprudenza di legittimità (C. pen., Sez. III, 7.3.2014, n. 23485) e di merito (T. Mantova, 18.8.2009; T. Milano, 17.4.2009; T. Firenze, 22.10.2012). Il delitto non è, pertanto, configurabile in presenza di un’unica, per quanto grave, condotta di molestie e minaccia (C. pen., Sez. V, 24.9.2014, n. 48391), mentre è irrilevante il fatto che, all’interno del periodo di vessazione, la persona offesa abbia avuto transitori momenti di benevola rivalutazione del passato e di desiderio di pacificazione con il marito persecutore (C., Sez. V, 16.9.2014, n. 5313; C. pen., Sez. V, 17.6.2014, n. 41040). La condotta va, inoltre, valutata nella sua articolazione complessiva, tant’è che condotte in sé non punibili autonomamente potrebbero invece presentarsi rilevanti ai fini dell’integrazione del reato (C. pen., Sez. V, 23.4.2014, n. 37448).Per minaccia si intende la prospettazione ad altri di un male futuro ed ingiusto, la cui verificazione dipende dalla volontà dell’agente (C. pen., Sez. V, 12.5.2010, n. 21601).

Per molestia deve intendersi tutto ciò che viene ad alterare dolosamente, fastidiosamente e importunamente, in modo immediato o mediato, lo “stato psichico” di una persona (C. pen., Sez. V, 27.9.2007, n. 40748; C. pen., Sez. I, 24.3.2005, n. 19718).

È configurabile la condotta di atti persecutori tramite molestie, ad esempio, nel comportamento di chi reiteratamente telefoni alla persona offesa presso il luogo di lavoro trasmettendo messaggi dal contenuto ingiurioso e con riferimenti espliciti alla vita sessuale, così cagionando un grave e perdurante stato d’ansia (T. Milano, 5.9.2009), o nel comportamento di chi reiteratamente invii alla persona offesa “sms” e messaggi di posta elettronica o postali sui cosiddetti “social network”, nonché divulghi attraverso questi ultimi filmati ritraenti rapporti sessuali intrattenuti dall’autore del reato con la medesima (C. pen., Sez VI, 16.7.2010, n. 32404) o, ancora, nel comportamento di chi, con pedinamenti sistematici, appostamenti e con una serie continua di telefonate, offendendone il decoro e l’onore della persona offesa, inviando delle missive all’indirizzo della stessa, abbia ingenerato nella vittima un continuativo stato di preoccupazione ed una sensibile modificazione delle normali abitudini di vita (A. Milano, 27.9.2011). Integra il delitto di cui all’art. 612 bis c.p. la reiterata redazione e ripetuta diffusione di messaggi funzionali a umiliare due coniugi, a violare la loro riservatezza, a rappresentare la vita sessuale della moglie come aperta a soggetti estranei (C. pen., Sez. V, 5.3-10.7.2015, n. 29826). in particolare, l’aggravamento di pena scatta «se il fatto è commesso dal coniuge, anche separato o divorziato, o da persona che è o è stata legata da relazione affettiva alla persona offesa ovvero se il fatto è commesso attraverso strumenti informatici o telematici».Il delitto in analisi è punito, di regola, a querela della persona offesa. Vista la particolare natura del reato, e’ previsto il c.d. “microsistema di tutela integrata” e, in particolare, del provvedimento di ammonimento del questore. Detta norma attribuisce al questore il potere di ammonire oralmente il soggetto, prima della proposizione della querela, nei cui confronti è stato richiesto il provvedimento, «a tenere una condotta conforme alla legge». La vittima può esporre i fatti all’autorità di pubblica sicurezza avanzando richiesta al questore di ammonimento nei confronti dell’autore della condotta.

Per sottrarti alla violenza ed allo sfruttamento dello psicopatico o narcisista patologico devi recuperare la tua capacità di azione, di difesa, la tua autostima ed i tuoi confini.

Devi uscire  dal ruolo di vittima passiva di questo predatore e tornare ad essere la padrona delle tue scelte e della tua vita.

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati. E’ vietata qualsiasi riproduzione, utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente blog, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, diffusione e distribuzione dei contenuti stessi mediante qualsiasi piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte dell’autore Avv. Marina Marconato. I CONTENUTI DEL BLOG E DI OGNI ARTICOLO POSSONO ESSSERE CONDIVISI SOLO ED ESCLUSIVAMENTE CITANDONE L’AUTRICE E LINKANDO LA FONTE.